Sei qui: Home » Libri » 10 libri in uscita a novembre 2022
Novità editoriali

10 libri in uscita a novembre 2022

Da "God save the queer" di Michela Murgia ai racconti inediti di Andrea Camilleri, ecco 10 imperdibili libri in uscita questo novembre.

Le novità editoriali previste per il mese di novembre sono numerose e variegate; i libri in uscita comprendono titoli di saggistica, raccolte di racconti, romanzi e attesi ritorni, come “Brave ragazze, cattivo sangue”, il secondo attesissimo capitolo della serie nata dalla penna di Holly Jackson. Fra i nuovi arrivi più attesi in libreria c’è anche il nuovo volume di Carlotta Perego, in arte “Cucina botanica“, che ritorna a raccontarci la cucina vegetale affrontando il tema dell’inclusione sociale. Insomma, novembre è un mese davvero ricco di novità. Scopriamo insieme 10 libri in uscita da non perdere!

10 libri in uscita a novembre 2022

1. “God save the queer – Catechismo femminista” di Michela Murgia

Cominciamo la nostra carrellata di libri in uscita a novembre con il nuovo libro di Michela Murgia, che affronta i temi del femminismo guardandola da una prospettiva cristiana. Il confronto che ne viene fuori è interessante, e fornisce diversi punti di riflessione. 

Si può essere persone femministe e cattoliche nello stesso tempo? Michela Murgia, cattolica, pensa di sí. E questo audace pamphlet, colto e popolare, sfida il senso comune, e con lucidità e ironia ci spiega perché. «Vorrei capire, da femminista, se la fede cristiana sia davvero in contraddizione con il nostro desiderio di un mondo inclusivo e non patriarcale, o se invece non si possa mostrare addirittura un’alleata.

Da cristiana confido nel fatto che anche la fede abbia bisogno della prospettiva femminista e queer, perché la rivelazione non sarà compiuta fino a quando a ogni singola persona non sarà offerta la possibilità di sentirsi addosso lo sguardo generativo di Dio mentre dichiara che quello che vede “è cosa buona”». Come fai a tenere insieme la tua fede cattolica e il tuo femminismo? È una domanda che Michela Murgia si sente rivolgere di continuo. È la stessa che si pongono le persone credenti LGBTIAQ+ e che si pone chiunque debba fare compromessi tra la propria coscienza e i precetti dottrinari, per esempio in merito ad aborto, eutanasia, fecondazione assistita.

Partendo dalla rilettura del “Credo” e attingendo alla propria esperienza personale – la sé bambina piena di dubbi, ma anche la nonna, la madre, la zia, le donne con le quali ha incontrato la fede – Michela Murgia fornisce gli strumenti per affrontare alcune di queste antinomie, e mostra come la pratica della soglia, che rigetta l’appartenenza a un unico recinto, cioè la queerness, sia una pratica cristologica. Accettarla come tale significa riconoscere che «il confine non ci circonda, ma ci attraversa, e che quel che avvertiamo come contraddizione è in realtà uno spazio fecondo di cui non abbiamo ancora compreso il potenziale vitale».

2. “Brave ragazze, cattivo sangue” di Holly Jackson

Holly Jackson torna in libreria il 3 novembre con il secondo capitolo di “Come uccidono le brave ragazze”, che in Italia ha avuto un enorme successo. 

Pippa Fitz-Amobi è reduce dalle avventure che l’hanno portata alla risoluzione del cold case della morte di Andie Bell. L’indagine è ora raccontata per filo e per segno in un podcast, che sviscera tutti i particolari dell’indagine. Pippa, segnata dagli eventi dell’anno precedente, afferma a gran voce che dopo la scorsa esperienza ha chiuso con il voler fare la detective. Ma improvvisamente il fratello del suo amico Connor sparisce. La polizia non vuole fare nulla a riguardo, e Pippa si ritrova immersa in una nuova indagine, che mai avrebbe immaginato potesse portare a galla segreti tanto loschi. E questa volta, tutti sono in ascolto. Ma riuscirà a trovarlo prima che sia troppo tardi?

3. “Vegetale insieme” di Carlotta Perego

Carlotta Perego, meglio conosciuta come “Cucina botanica”, torna in libreria dal prossimo 9 novembre con un titolo dedicato alla cucina vegetale e alla socialità, alla convivialità che spesso viene sacrificata quando si intraprende un percorso alimentare vegano. 

Un ricettario suddiviso per occasione, ma anche un racconto in prima persona dedicato a tutti coloro che vogliono abbracciare un’alimentazione vegetale o anche solo comprenderla meglio. Che abbiate scelto di mangiare vegetale voi stessi, o che l’abbia fatto un familiare, un partner o un amico, questo libro fa per voi: l’autrice parte narrando la sua storia personale, percorre poi tutti i dubbi e le domande che potrebbero sorgere riguardo a questo stile di vita e propone oltre 80 ricette adatte a ogni situazione, accompagnando il lettore per mano verso un mondo vegetale e inclusivo, che incentiva la convivialità.

Carlotta Perego non ha dubbi: la cucina vegetale può unire anziché dividere e può essere davvero per tutti. Persino per coloro che, magari per tradizioni familiari o abitudini radicate, non l’hanno mai presa in considerazione. Il percorso del lettore è accompagnato dalla delicatezza e dalla comunicazione accogliente che hanno reso Carlotta Perego un punto di riferimento in Italia per la cucina vegetale. Perché mangiare vegetale non deve significare l’esclusione dalle occasioni sociali: si può trovare una strada comune, fatta di gusto e di piacere per tutti.

4. “La trilogia di Nerone (Vol.3)” di Alberto Angela

Disponibile a partire dal 15 novembre, il nuovo volume di Alberto Angela dedicato alla figura di Nerone chiude il cerchio di una trilogia divulgativa che ha avuto grande successo. 

Roma, 64 d.C. All’indomani del Grande incendio, la città è distrutta, molti quartieri sono ridotti a macerie fumanti e il vento porta con sé la cenere di tutto ciò che è stato distrutto. Gli sfollati sono ovunque e bisogna pensare a ricominciare dopo questa terribile tragedia. L’imperatore Nerone sarà il protagonista indiscusso della rinascita raccontata nel terzo volume della “Trilogia di Nerone”: per sua volontà la città diventerà magnifica, simbolo del potere imperiale, e sorgeranno edifici imponenti che ancora oggi la caratterizzano, come la Domus Aurea.

Al contempo, però, Nerone sarà implacabile nel dare inizio alle persecuzioni dei Cristiani. Con il suo stile unico e appassionante, Alberto Angela ricostruisce e racconta i fatti dell’epoca che lasceranno un’impronta indelebile nei secoli a venire.

5. “Foto mosse di famiglie immobili” di Valerio Lundini

Nel mese di novembre torna nelle librerie italiane anche Valerio Lundini, con una raccolta di racconti che si prospetta davvero interessante e che è già disponibile dal 1° novembre.

«Incredibile! Dopo il successo di Era meglio il libro, Valerio Lundini torna con una nuova raccolta di racconti che è mille volte più bella della prima. Talmente più bella che giustamente voi potreste dire: «Ma allora compro questa e butto via la prima?» E invece no, perché la prima comunque non era mica male. È solo che questa è troppo meglio.

Tra l’altro, se ci pensate, si fa sempre un po’ fatica a buttar via un libro, no? Io ne ho tanti che non mi piacciono, eppure sono sempre lì, non ci riesco proprio a buttarli. Dispiace. Comunque, non è questo il caso, perché “Foto mosse di famiglie immobili” è un libro incredibile, come ho scritto nella prima riga, quella grossa. Parla di stelle dello spettacolo convinte di essere morte, di tic mentali che diventano hit internazionali, di film che viaggiano nel tempo, di teneri video virali con drammatiche conseguenze penali e di altre cose molto più interessanti di questo riassuntino qui. Se poi non vi piace, oh, pazienza».

6. “Bournville” di Jonathan Coe

Fra i libri in uscita questo novembre non possiamo non segnalare l’attesissimo nuovo romanzo di Jonathan Coe, “Bournville”. 

A Bournville, un sobborgo di Birmingham dove ha sede una famosa fabbrica di cioccolato, una famiglia celebra la Giornata della vittoria sul nazifascismo nel 1945.

Mentre il Paese fa fatica a capire la guerra da cui è appeno uscito, ricorrono altri sei grandi celebrazioni nazionali: incoronazioni e partite di calcio, matrimoni da favola e funerali reali. Settantacinque anni di cambiamenti sociali, dalla nostalgia per i tempi passati a James Bond, al coronavirus, e si fa strada una domanda urgente: questi festeggiamenti hanno contribuito a unire la famiglia – e il Paese – o li hanno sempre più divisi?

Da uno dei romanzieri più amati della Gran Bretagna arriva una storia per i nostri tempi, una storia inquietante, profonda e commovente, molto divertente e vera.

7. “Schiava della libertà” di Ildefonso Falcones

Il settimo libro che vi proponiamo fra le 10 uscite da non perdere a novembre è il nuovo romanzo nato dalla penna di Ildefonso Falcones. Un libro che promette grande coinvolgimento emotivo, grazie a storie e vite che si incrociano pur appartenendo a due piano temporali e spaziali differenti. 

Cuba, metà del XIX secolo. Una grande nave raggiunge la spiaggia di Jibacoa. La stiva non contiene merci, ma qualcosa di ben più prezioso, e al tempo stesso assai più a buon mercato: persone. Donne. Schiave. Prelevate dai loro villaggi in Africa con l’inganno, sono uno dei beni più ricercati a Cuba. Nella schiera di ragazze sporche e denutrite c’è anche l’undicenne Kaweka, che finisce tra gli schiavi del potente marchese di Santadoma. Indomita e fiera, Kaweka sente dentro di sé il peso di un’ingiustizia che desidera ardentemente riparare.

Col passare degli anni, la causa della liberazione del suo popolo diventa persino più importante dell’amore per Modesto, che ha conosciuto nella piantagione. Perché l’unica schiavitù a cui Kaweka è disposta a sottomettersi è la lotta per la libertà. E spinta dalla sua vocazione decide di fuggire, mentre all’orizzonte si addensa lo spettro della guerra di indipendenza di Cuba e delle prime rivolte degli schiavi…

Madrid, oggi Lita ha una promettente carriera nella prestigiosa banca dei marchesi di Santadoma, i quali stanno cercando di mettere a punto una lucrosa vendita del proprio istituto a un gruppo finanziario americano. Ma Lita non è solo una giovane donna in carriera nel difficile mondo della finanza: è la figlia di una domestica di casa Santadoma, e nella lotta per farsi valere porta su di sé anche il peso del riscatto dalle umili origini e del colore della propria pelle.

Un’inattesa visita a Cuba la avvicina non solo alle sue radici, ma anche a una sconvolgente rivelazione sulla storia della propria famiglia. Una rivelazione che la riconnette a un mondo potente e ancestrale, mentre affiorano verità sempre più inquietanti sull’origine dell’immensa fortuna dei marchesi…

8. “Inno americano” di Noah Hawley

Fra i nuovi arrivi di novembre, vi segnaliamo anche “Inno americano” di Noah Hawley, un titolo di narrativa contemporanea che racconta un percorso di crescita, nonché di superamento di ansie e paure. 

In una nazione allo stremo, tre ragazzi fragili ma pieni di speranza partono per un’avventura che li porterà a confrontarsi con i pericoli e l’oscurità che si nascondono nel cuore degli uomini. Come tanti, troppi, ragazzini di oggi, Simon, Louise e Paul, detto il Profeta, devono fare i conti con le loro paure e i loro traumi. Quando si incontrano in una clinica per la cura dell’ansia, il Profeta li convince che hanno una missione. Devono fuggire da lì e costruire la loro utopia, un luogo dove avere una seconda possibilità, lontano da quegli adulti che li hanno traditi lasciandogli un mondo allo sbando.

Però, come in una fiaba contemporanea oscura e adrenalinica, per riuscirvi dovranno prima sconfiggere lo Stregone, un miliardario crudele e intoccabile, e salvare la ragazza che tiene prigioniera, principessa o drago che sia.

9. “La casa delle luci” di Donato Carrisi

Dal 9 novembre, il maestro del thriller italiano torna in libreria con “La casa delle luci”.

Nella grande casa spenta in cima alla collina, vive sempre sola una bambina… Si chiama Eva, ha dieci anni, e con lei ci sono soltanto una governante e una ragazza finlandese au pair, Maja Salo. Dei genitori nessuna traccia. È proprio Maja a cercare disperatamente l’aiuto di Pietro Gerber, il miglior ipnotista di Firenze, l’addormentatore di bambini. Da qualche tempo Eva non è più davvero sola. Con lei c’è un amichetto immaginario, senza nome e senza volto.

E a causa di questa presenza, forse Eva è in pericolo. Ma la reputazione di Pietro Gerber è in rovina e, per certi versi, lo è lui stesso. Confuso e incerto sul proprio destino, Pietro accetta, pur con mille riserve, di confrontarsi con Eva. O meglio, con il suo amico immaginario. È in quel momento che si spalanca una porta invisibile davanti a lui. La voce del bambino perduto che parla attraverso Eva, quando lei è sotto ipno­si, non gli è sconosciuta.

E, soprattutto, quella voce conosce Pietro. Conosce il suo passato, e sembra possedere una verità rimasta celata troppo a lungo su qualcosa che è avvenuto in una calda estate di quando lui era un bambino. Perché a undici anni Pietro Gerber è morto. E il misterioso fatto accaduto dopo la sua morte ancora lo tormenta.

10. “La guerra privata di Samuele e altre storie di Vigàta” di Andrea Camilleri

Infine, vi segnaliamo che a novembre uscirà un nuovo volume edito da Sellerio con protagoniste le storie di Andrea Camilleri. “La guerra privata di Samuele e altre storie di Vigàta” raccoglie alcuni racconti già pubblicati diversi anni fa e due inediti che si legano perfettamente alle altre storie presenti nel volume.

“La guerra privata di Samuele e altre storie di Vigàta” comprende i racconti inediti “La prova” e “La guerra privata di Samuele, detto Leli”. Le altre storie sono state pubblicate in tempi diversi: “L’uomo è forte” in Articolo 1. “Racconti sul lavoro”, Sellerio, 2009; “I quattro Natali di Tridicino” in Storie di Natale, Sellerio, 2016; “La tripla vita di Michele Sparacino” in allegato al «Corriere della Sera», 2008 e Rizzoli, 2009; “La targa” in allegato al «Corriere della Sera», 2011 e Rizzoli, 2015.

Una rete di storie, ovvero una proliferazione di intrecci sorprendenti, è questo libro di racconti. La consueta concentrazione espressiva, la scrittura scenica di geniale lucidità, e il talento umoristico, consentono a Camilleri di tradurre con spigliatezza il ludico nel satirico, facendo giocare il tragico con il comico: senza però escludere momenti d’incanti emotivi, come nel racconto “I quattro Natali di Tridicino”. La raccolta si apre con una «commedia» di equivoci e tradimenti, dai guizzi sornionamente maliziosi. Si chiude con un racconto di mare di potente nervatura verghiana, calato in un mondo soffuso di antica e dolorosa saggezza: «La vita è come la risacca: un jorno porta a riva un filo d’alga e il jorno appresso se lo ripiglia.

© Riproduzione Riservata