curiosità

10 cose che probabilmente non saprete su Tolkien

Tolkien è il famosissimo autore di grandi romanzi come "Lo Hobbit" e "Il signore degli anelli" Ecco 10 cose che non saprete sullo scrittore
10 cose che probabilmente non saprete su Tolkien

MILANO – Chi sia Tolkien è noto a tutti: suoi sono grandi romanzi del calibro di “lo Hobbit” “Il signore degli anelli“, “Il Silmarillion“. Molto successo hanno ottenuto anche le trasposizioni cinematografiche dei suoi libri. Ma ci sono molte curiosità che, anche i fan dello scrittore, magari non sanno. Prendendo spunto da un articolo di mentalfloss, ve ne proponiamo 10:

Insegnante originale

John Ronald Reuel Tolkien, importante studioso della lingua anglosassone, era professore di antico inglese al Rawlinson and Bosworth  dal 1925 al 1945 e insegnante di lingua e letteratura inglese dal 1945 al 1959 presso l’Università di Oxford. Un uomo con la sua personalità non poteva certo essere un insegnante “tradizionale”: una volta si è presentato ad una festa indossando un travestimento da orso polare, un’altra volta invece ha inseguito il vicino di casa travestito da guerriero anglosassone.

 

Critico severo

Tolkien era molto critico nei confronti degli adattamenti delle suo opere, ritenendo che non fossero in grado di trasmettere l’epicità del racconto. In particolar modo era molto critico nei confronti dei suoi fan, che non credeva potessero veramente cogliere la bellezza del suo lavoro.

 

Passione per il lavoro

Tolkien amava tantissimo il suo lavoro, ma lo considerava più un hobby e una passione. Riteneva più importanti le sue opere accademiche come il suo saggio su Beowulf e un vocabolario.

 

Romantico

Al’età di 16 anni Tolkien si innamorò della donna che sarebbe diventata, qualche anno dopo, sua moglie, Edith Bratt. Come richiesto dallo stesso Tolkien il loro amore è stato inciso anche sulla loro lapide: insieme ai nome dei due coniugi, infatti, sono scritti “Beren” e “Luthien”, due personaggi innamorati presenti in uno dei suoi racconti di fantasia.

 

“Amico” di Lewis

Tolkien aveva conosciuto e stretto un forte legame di amicizia con Lewis, noto autore inglese. Forse non tutti sanno che il loro rapporto non è sempre stato semplice. A un certo punto i due presero le distanze, probabilmente a causa delle posizione anticattoliche e alle scelte di vita di Lewis, che frequentava una donna divorziata. Tolkien poi, dispiaciuto della situazione. si riavvicinò all’amico.

 

Fondatore di club

Ovunque andasse, Tolkien fondava club. Il più importante e conosciuto è quello degli Inklings, un gruppo di discussione letteraria i cui membri erano principalmente docenti di Oxford. Tra gli esponenti del club si possono annoverare John Ronald Reuel Tolkien, Clive Staples Lewis, Owen Barfield, Charles Williams, e molti altri.

 

Conosceva la guerra

Tolkien era un reduce della prima guerra mondiale, partecipò ad alcuni sanguinosi combattimenti come la battaglia delle somme. Probabilmente per molti dei suoi racconti, come il difficile viaggio di Frodo e Sam, si è ispirato a queste esperienze.

 

Ha inventato una lingua

Amante dello studio della lingua, Tolkien ha ben pensato di inventare una lingua: si pensi all’elfico, una lingua con precise regole, che ha creato dal nulla.

 

Pubblicato più dopo la sua morte

Molti dei suoi romanzi, inediti mentre era in vita, sono stati pubblicati dopo la sua morte, la maggior parte prodotta dal figlio Cristopher. L’opera più conosciuta è sicuramente il Silmarillion.

 

Contro Hitler

Tolkien era in dissenso con il pensiero di Hitler e del partito nazista, e non nascose in alcun modo fatto. Cercò di bloccare una delle traduzioni tedesche di Lo Hobbit dopo che l’editore tedesco, gli chiese di certificare il fatto che lui fosse un “ariano”.  Come risposta Tolkien si definì dispiaciuto di non avere antenati ebrei. Scrisse anche una lettera in cui manifestò apertamente il suo disgusto nei confronti del dittatore.

© Riproduzione Riservata
Commenti