Sei qui: Home » Istruzione » Rientro a scuola dal 7 gennaio per il 75% degli studenti delle superiori
nuovo Dpcm

Rientro a scuola dal 7 gennaio per il 75% degli studenti delle superiori

Ogni scuola potrà gestire il programma per il rientro a scuola, ma una parte degli studenti resterà in Didattica a distanza. Le misure introdotte nel nuovo Dpcm

Rientro a scuola: dal 7 gennaio potrà tornare in presenza “il 75 per cento della popolazione scolastica”. Il resto continuerà con la didattica a distanza Così si legge nell’ultimo Dpcm, come spiegato  dal premier Giuseppe Conte nella conferenza stampa. L’ultimo consulto con la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha quindi portato a rivedere la percentuale di studenti da riportare in classe.

Il rientro a scuola

La ministra Azzolina aveva parlato nei giorni scorsi di un rientro a scuola “graduale e in sicurezza”. Entro gennaio potrebbe anche arrivare un nuovo protocollo nazionale per il rientro in classe in cui si regolamentano trasporti, tracciamento dei tamponi per lo screening e il rientro in classe e per stabilire per tutti i presidi la necessità di adottare uno scaglionamento maggiore degli orari di ingresso e di uscita. Per quanto riguarda i turni, le singole scuole potranno decidere il proprio orario anche prevedendo rientri o allungamenti dell’orario nella fascia pomeridiana. 

Prime e quinte in aula

Il rientro a scuola verrà gestito da ciascun istituto, anche se nelle zone più critiche un quarto dei ragazzi potrebbero dover continuare da casa. Probabilmente i presidi garantiranno la scuola in presenza per gli studenti di prima e seconda superiore e per quelli che dovranno affrontare la Maturità a giugno.

 

© Riproduzione Riservata