maturità 2020

Maturità, Azzolina: “Al via il 17 giugno. L’esame orale varrà 40 crediti”

La ministra: "L'esame orale parte da argomento scelto che non sarà una tesina ma un tema da cui gli studenti partiranno scelto con i loro prof"
Maturità, Azzolina: "L'esame sarà in presenza e in sicurezza"

Il giorno della data dell’esame di maturità sarà il 17 giugno “e l’esame orale partirà da un argomento che non sarà una tesina ma un argomento da cui partiranno scelto con i loro prof. Si parte da un argomento di indirizzo”. Lo ha detto la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina a Skuola. net.

L’esame orale

La ministra dell’istruzione ha parlato di come sarà il prossimo esame di maturità, anticipando i tratti che faranno la loro comparsa in un’ordinanza attesa per la prima settimana di maggio. “L’esame di stato non è un interrogatorio ma l’apice di un percorso non può riguardare quanto no è stato fatto. Per questo i crediti prima della pandemia erano 40, poi c’erano gli altri 60 legati alle prove.”

Valorizzazione del percorso di studi

Anche le prove, come detto, sono destinate a cambiare pelle, con gli scritti cancellati e un orale più lungo. “Ora deve essere valorizzato il percorso di studi di più: quel 60 saranno i crediti dai quali gli studenti potranno partire e 40 la prova orale. Questo sarà un giusto riconoscimento all’impegno. Poi ci sarà la possibilità di far sì che l’esame orale partirà da un argomento che non sarà una tesina ma un argomento da cui partiranno scelto con i loro prof”.  I maturandi, poi, racconteranno anche la loro esperienza di alternanza scuola lavoro ma “Nella massima libertà, fin dove sono arrivati. Perché non tutti hanno concluso le ore previste”.

© Riproduzione Riservata
Commenti