Fiorello compie 60 anni

“Auguri Rosario!”, ecco perché Fiorello a 60 anni riesce a far ridere tutti

Comico, imitatore, cantante, presentatore. Il "one man show" Rosario Fiorello a 60 anni mette d'accordo tutti. Il racconto inedito della sorella Catena Fiorello
"Auguri Rosario!", ecco perché Fiorello a 60 anni riesce a far ridere tutti

Compie oggi 60 anni Rosario Fiorello. Showman, comico, cabarettista, imitatore, cantante, conduttore radiofonico, conduttore televisivo, attore: è difficile definirlo con una sola parola. O forse si: Fiorello è semplicemente una persona capace di far ridere tutti in maniera pulita e intelligente. 

Dai villaggi turistici a Sanremo

Nato a Catania il 16 maggio 1960 da mamma Rosaria e papà Nicola, Rosario Fiorello è il primo di quattro fratelli (Anna, Catena, Beppe). Ha cominciato la sua carriera nei villaggi turistici, ma il suo primo provino per la tv, per “Fantastico” con Pippo Baudo, non andò bene (“Sei bravo, ma sei lungo”, disse). Nel 1988 l’inizio in radio dopo aver incontrato Claudio Cecchetto che lo ingaggiò per un programma su Radio Deejay. Qui scopre la sua passione per il canto, che lo portò a incidere grazie a Cecchetto due dischi. Nel 1992 arriva la consacrazione con Karaoke, poi nel 1993 la presentazione del Festivalbar e due anni dopo la partecipazione al Festival di Sanremo con il brano “Finalmente tu”.

Il successo tra radio, tv e internet

Dopo diverse trasmissioni in tv su Mediaset, Fiorello torna in Rai in tv con il fortunato show “Stasera Pago io”, e in radio con “Viva Radio 2” insieme a Marco Baldini. Nel settembre 2011 Fiorello tramite il suo profilo Twitter lancia “Edicola Fiore” una rassegna stampa quotidiana che vede come protagonisti gli amici dell’edicola vicino e del Bar Tom Caffè Circi. Trattasi di un format che Fiorello replicherà negli anni successivi sul suo profilo instagram. Nel 2019 Fiorello torna in Rai per una produzione creata ad hoc per il portale RaiPlay: “Viva RaiPlay!”, 18 live show sulla piattaforma online. Sempre lo stesso anno. annuncia la sua partecipazione come ospite fisso al Festival di Sanremo 2020 condotto dall’amico Amadeus. Un successo di ascolti e di pubblico, tanto che si auspica che la felice accoppiata si ripresenti anche nella prossima edizione della manifestazione canora. In pieno lockdown, Fiorello è riuscito ad intrattenere il pubblico in un momento difficile grazie alle sue dirette su Instagram: celebre il suo monologo sul presunto proseguimento lockdown durante la Fase 2 per gli ultrasessantenni come lui.

L’aneddoto di Catena Fiorello

Oggi è lo showman più famoso d’Italia, tra radio, teatro e grandi spettacoli in tv, felicemente sposato dal 2003 con Susanna Biondo, dalla quale ha avuto la figlia Angelica. Abbiamo chiesto alla sorella Catena Fiorello di raccontarci un aneddoto di Rosario, che non tutti ricordano ma che merita di essere segnalato. “Mio fratello Rosario ha raccontato l’Italia, a partire dal Karaoke in poi. Mi piace aggiungere qualcosa che si conosce poco di lui, ovvero la sua partecipazione a un film dei fratelli Franco e Sergio Citti che si intitolava “Cartoni Animati”. La parola “cartoni” indicava il luogo dove vivevano i clochard. Un film che non ebbe i riconoscimenti che meritava, sulla falsa riga di “Favolacce” di oggi. Era un film visionario, che andrebbe rivalutato. Voglio ricordare mio fratello con questa chicca che pochi conoscono.”

© Riproduzione Riservata