Sei qui: Home » Intrattenimento » Teatro » Carmen non muore. Finale alternativo al Teatro Maggio di Firenze
La polemica

Carmen non muore. Finale alternativo al Teatro Maggio di Firenze

Finale stravolto nella Carmen del regista Leo Moscato in scena al Teatro del Maggio Musicale fiorentino. Polemiche a Teatro e sui social

MILANO – José non uccide Carmen. Il regista Leo Moscato revisiona il finale dell’opera, stravolgendolo completamente. Nel finale tradizionale la protagonista viene pugnalata a morte da José che, pazzo di gelosia, la uccide.  Nella conclusione di Moscato, invece l’arma è una pistola che, inceppandosi, permette alla donna di fuggire e di salvarsi. La produzione ha spiegato il finale come un’allegoria della lotta contro la violenza sulle donne. E ha pure rilanciato: «Carmen è entrata nel repertorio del Maggio musicale, e ci resterà per i prossimi due o tre anni, perché ci sono state e ci sono moltissime richieste per rivederla». L’Opera inoltre, nella versione di Moscato, viene ambientata in un campo rom.

Le polemiche

Il finale alternativo non è stato apprezzato dal pubblico che alla fine del 4 atto ha fischiato l’opera. Anche sui social non sono mancate le critiche. A favore della nuova versione della Carmen si schiera Dario Nardella, sindaco di Firenze, che su twitter afferma: “Messaggio culturale, sociale ed etico che denuncia la violenza sulle donne, in aumento in Italia». L’opera non è stata però del tutto un fiasco, dal punto di vista musicale, infatti, ha riscosso un grande successo: molti gli applausi per i musicisti.

 

foto credits  www.operadifirenze.it

© Riproduzione Riservata