Per lo scambio di libri online

Spopola sul web Bookmooch, la piazza virtuale che dà nuova vita ai vecchi libri

Non c’è nulla di più piacevole, per un lettore, che scambiare opinioni sui libri con altri lettori. Spesso, però, il tempo per partecipare ad un club del libro è poco quindi, ben vengano tutte le piazze virtuali e i social network che danno...

Disfarsi definitivamente di un libro, si sa, è una cosa terribilmente difficile per tutti gli appassionati lettori. Anche quello più brutto, merita di avere un suo posto in libreria. Ma quando i libri sono davvero tanti, forse è arrivato il momento di fare un po’ di spazio: lasciare quelli vecchi per quelli nuovi. Con questa filosofia è nato Bookmooch, la piazza virtuale che vi permettere di scambiare i libri

MILANO – Non c’è nulla di più piacevole, per un lettore, che scambiare opinioni sui libri con altri lettori. Spesso, però, il tempo per partecipare ad un club del libro è poco quindi, ben vengano tutte le piazze virtuali e i social network che danno questa possibilità ai booklovers. Ma se vi dicessimo che avete anche la possibilità di scambiare i libri, oltre che alle opinioni? Si chiama Bookmooch ed è un sito web nato qualche anno fa, nel 2006, da un’idea di John Buckman

NUOVA VITA AI VECCHI LIBRI – E’ questo lo slogan scelto da John Buckam, il fondatore di Bookmooch. L’idea, infatti, è quella di dare agli utenti la possibilità di offrire libri in cambio di libri. In pratica basta registrarsi al sito e scrivere la propria lista di libri di cui, in un certo senso, volete sbarazzarvi (il più brutto, un doppione o un regalo poco apprezzato). Una volta messi in ‘piazza’ i vostri titoli, guadagnerete dei punti che vi serviranno successivamente per fare le vostre richieste agli altri utenti. Dopodiché non vi resta che aspettare che qualcuno vi contatti per richiedervi uno dei libri che avete messo a disposizione. Il sistema è molto semplice, e soprattutto gratuito. L’unico costo che dovete sostenere, infatti, sono le spese di spedizione.

PERCHE’ QUESTO SERVIZIO – “Pensate a questo: a casa avete libri che non leggerete mai più. Perchè non scambiare quei libri con altri che altrimenti dovreste pagare? Molti libri vanno fuori catalogo e diventano difficili da trovare. Con BookMooch rimangono disponibili e soprattutto sono gratuiti – spiega il fondatore in un’intervista – I libri sono veicoli di emozione, proprio come la musica. Sono un prodotto culturale e una cosa a cui teniamo. Ci fa piacere suggerire un libro a qualcuno, prestarlo, per farne godere anche l’altro.

JOHN BUCKMAN – Nato a Londra, allevato in Francia, a Parigi, ha passato gli anni del liceo a New Haven, dove ha cominciato a lavorare all’età di 14 anni presso l’università di Yale. Dopo aver frequentato l’università nel Maine (Bates College) e un Master alla Sorbona (entrambi in filosofia), ha vissuto a Washington DC ed ha lavorato in una squadra di cervelli (l’Accademia per gli Atudi Avanzati e Strategici) ed poi a Discovery Channel.

19 agosto 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti