Sei qui: Home » Intrattenimento » Cinema » Oscar 2022, nomination per “E’ stata la mano di Dio” di Sorrentino
la nomination

Oscar 2022, nomination per “E’ stata la mano di Dio” di Sorrentino

“È stata la mano di Dio” è rientrato nella cinquina per il miglior film straniero. In lizza anche altri artisti italiani. Scopriamo tutte le nomination.

Il film “E’ stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino è candidato agli Oscar 2022 come miglior film internazionale. Ad annunciarlo poco fa l’Academy Awards durante la presentazione delle nomination per le 23 le categorie che andranno premiate durante la cerimonia che si terrà la notte tra il 27 e il 28 marzo. “È stata la mano di Dio” è rientrato nella cinquina per il miglior film straniero. “È un motivo di commozione, perché è un riconoscimento prestigioso ai temi del film”, ha commentato a caldo il regista.

Nomination per “E’ stata la mano di Dio”

Poco fa Tracee Ellis Ross, vincitrice del Golden Globe, insieme al vincitore dell’Emmy Leslie Jordan hanno annunciato le candidature accettate dall’Academy Awards per la 94esima edizione della kermesse cinematografica più famosa del mondo. Il film di Paolo Sorrentino, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, era l’unico film italiano candidato agli Oscar e che è rientrato nelle nomination definitive decise dall’Academy. Dovrà vedersela per la categoria “miglior film straniero” con  il docudrama animato “Flee” diretto da Jonas Poher Rasmussen, il film giapponese “Drive my car” del regista Ryûsuke Hamaguchi, la pellicola norvegese “La persona peggiore del mondo” di Joachim Trier e il film drammatico bhutanese diretto da Pawo Choyning Dorji “Lunana: A yak in the classroom”.

 

Le altre nomination italiane

Non solo il film di Paolo Sorrentino: tra le altre candidature “Made in Italy” agli Oscar troviamo Massimo Cantini Parrini  nominato per i costumi del film “Cyrano” ed Enrico Casarosa candidato agli Oscar con il film d’animazione Disney Pixar “Luca” ambientato in Italia. La cerimonia di premiazione degli Oscar 2022 tornerà ad essere in presenza ed è in programma nella notte tra il 27 e il 28 marzo a Los Angeles, che dopo ben quattro anni avrà di nuovo un conduttore.

Grande risultato per il cinema italiano

“Le candidature agli Oscar di Paolo Sorrentino per la regia di “È stata la mano di Dio”, di Enrico Casarosa per la regia di “Luca” e di Massimo Cantini Parrini per i costumi di “Cyrano” sono un grande risultato per il cinema italiano, che si conferma in ottima salute e capace, con il suo genio creativo, di raccogliere pubblico e consensi a livello internazionale. Un grosso in bocca al lupo agli artisti italiani in corsa per la statuetta più ambita del cinema mondiale”. Così il Ministro della Cultura, Dario Franceschini, nell’apprendere delle nomination agli Oscar 2022.

Il film di Paolo Sorrentino

“È stata la mano di Dio” è il film autobiografico diretto da Paolo Sorrentino ambientato negli anni Ottanta a Napoli, città natale del regista. Il film  racconta la storia di un giovane di nome Fabio, noto come Fabietto (Filippo Scotti), che vive nel capoluogo partenopeo. Il ragazzo avrà l’occasione di vivere uno dei sogni più grandi degli amanti del calcio, quando giunge nella sua città il goleador Diego Maradona, ma a questa grande gioia si accompagnerà una tragedia inaspettata, che sconvolgerà la sua vita. Ma il destino gioca brutti scherzi e Fabietto avrà modo di imparare come, in questo caso, felicità e sconforto, gioia e tragedia siano intrecciate tra loro così tanto da determinare insieme il suo futuro…

Nel luglio 2020 è stato annunciato che Paolo Sorrentino avrebbe scritto, diretto e prodotto il film, con Netflix annesso alla distribuzione. Nello stesso mese, un avvocato di Diego Maradona ha dichiarato che stava esplorando un’azione legale contro il film per il suo titolo, poiché è un riferimento al gol di Maradona alla Coppa del Mondo FIFA del 1986 contro l’Inghilterra e l’uso dell’immagine di Maradona non era autorizzato. Netflix ha risposto che il film non è un film sportivo o su Maradona, ma una storia personale ispirata alla giovinezza di Sorrentino. Nel settembre 2020, Toni Servillo si è unito al cast del film, con la fotografia principale iniziata lo stesso mese, a Napoli, in Italia.

 

© Riproduzione Riservata