Sei qui: Home » Intrattenimento » Opera Taxi, la lirica invade il quartiere di Centocelle
Opera Taxi

Opera Taxi, la lirica invade il quartiere di Centocelle

Un taxi, un toy piano, un compositore e una mezzosoprano in viaggio nel tempo e nello spazio dal 16 al 19 luglio con Opera Taxi.

Opera Taxi è un’idea che nasce nel contesto urbano delle periferie romane. Il taxi è uno degli elementi che siamo più abituati a vedere nelle nostre città. Trasportano per lo più turisti, uomini, donne e bambini di passaggio, che ammirano dal finestrino un paesaggio tutto da scoprire. L’iniziativa de La Città Ideale sfrutta questo comunissimo e transitorio mezzo di trasporto per creare Opera Taxi, un’esperienza unica nel suo genere. Scopriamo subito di cosa si tratta!

Opera Taxi, la lirica invade Centocelle

Dopo aver portato 99 Variazioni sul Nessun Dorma dalla Turandot nel 2021 per le strade delle periferie romane a bordo di un camion, La Città Ideale torna a confrontarsi con la tradizione lirica con Opera Taxi: un taxi, un toy piano, un compositore e una mezzosoprano in un viaggio schizofrenico nello spazio e nel tempo sulle note di Mozart, Missy Mazzoli, Rossini, John Adams, Purcell e Bizet.

Dal 16 al 19 luglio un taxi per sei persone, con a bordo il compositore Francesco Leineri e la cantante lirica Clara La Licata, condurrà gli spettatori non solo in un viaggio musicale urbano e originale tra le zone più caratteristiche del Municipio Roma V, ma li farà anche salire a bordo di una vera e propria macchina del tempo operistica che li trasporterà dal ‘600 fino ai giorni nostri.

Nel contesto urbano delle periferie romane La Città Ideale continua così i suoi innesti cittadini di bellezza, questa volta proponendo un inedito percorso nel patrimonio operistico internazionale, un  viaggio per toy piano, mezzosoprano ed elettronica eseguito a bordo dal vivo, come in riproduzione casuale alla radio. Fabio Morgan, direttore artistico de La Città Ideale, ha così commentato l’iniziativa:

“Opera Taxi è un dispositivo unico nel suo genere, che testiamo per la prima volta nell’edizione 2022 de La Città Ideale. Un taxi sui generis ospita 6 spettatori alla volta per un viaggio di circa 30 minuti attraverso la storia dell’Opera, raccontata da tre elementi inaspettati: un’auto-radio invadente, una cantante lirica esuberante e un pianista con il suo toy-piano. Composto, arrangiato e diretto da Francesco Leineri, con Opera Taxi la musica invade la città e diventa mobile, riscrivendo le possibilità creative della fruizione e creando una dimensione di intimità tra artisti, pubblico e linguaggio operistico”.

Contenitore poliedrico di occasioni per ridisegnare il profilo culturale della città e costruire dimensioni di prossimità tra persone, nel segno della creatività condivisa, La Città Ideale torna a Roma nell’estate 2022 con il suo festival diffuso che abita le strade, le piazze, i luoghi inconsueti e i parchi della periferia di Roma con un programma variegato di esperienze uniche di prossimità tra spettatori e artisti. 

Dal teatro itinerante, alla lirica nel mercato rionale, dalla musica classica nei luoghi popolari e poi ancora formati musicali inediti, circo e teatro ragazzi, incontri letterari e proiezioni cinematografiche. La Città Ideale propone un viaggio artistico nella città in dialogo con il territorio.

Il progetto, promosso da Roma Capitale – Assessorato alla Cultura, è vincitore dell’Avviso Pubblico “Estate Romana  2022 – Riaccendiamo la Città, Insieme” curato dal Dipartimento Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con SIAE.

La Città Ideale, promotrice di Opera Taxi

Ma chi sono gli attori che hanno ideato Opera Taxi? Qual è l’intento con cui è nato il progetto La Città Ideale? Scopriamolo attraverso la presentazione offerta dal sito web del gruppo romano:

La Città Ideale è il progetto creativo per Roma per la direzione di Fabio Morgan: unlaboratorio urbano di processi partecipati con lo scopo di recuperare laconsapevolezza degli spazi che abitiamo quotidianamente. L’elemento per riappropriarsi della città è la creatività, attraverso la quale si possono definire processi orizzontali che trasformino aree urbane in spazi del vivere comune, favorendo l’incontro intergenerazionale.

Progetto sviluppato dal 2017 a Roma, La Città Ideale ha realizzato più di settanta iniziative in diverse aree della capitale, in prevalenza periferiche. Ogni attività del progetto è costruita come esperienza partecipata, attraverso il continuo dialogo tra cittadini, artisti e professionisti della cultura. La Città Ideale è un modo nuovo di concepire lo spazio urbano, che non è più un luogo fisico vissuto passivamente, ma diventa sede di incontro per il cittadino, luogo di realizzazione del possibile e laboratorio di cittadinanza attiva”.

 

© Riproduzione Riservata