LIBRI - Cinema e letteratura

Notte degli Oscar 2015, ecco i 5 libri da leggere se hai amato i film vincitori

La notte degli Oscar è ormai alle spalle: i dadi sono tratti e le statuette assegnate. “Birdman” è stato premiato come miglior film e miglior sceneggiatura originale, mentre altri film, adattamenti di libri che vi abbiamo già consigliato nelle scorse settimane...

Dal miglior film per “Birdman” fino alla migliore sceneggiatura non originale di “The imitation game”, ecco 5 libri consigliati per chi ha amato i film premiati alla Notte degli Oscar 2015

 
MILANO – La notte degli Oscar è ormai alle spalle: i dadi sono tratti e le statuette assegnate. “Birdman” è stato premiato come miglior film e miglior sceneggiatura originale, mentre altri film, adattamenti di libri che vi abbiamo già consigliato nelle scorse settimane, sono rimasti a bocca asciutta. Conclusa questa parentesi cinematografica e glamour, torniamo a consigliarvi delle interessanti letture. Il criterio seguito? Quello utilizzato da bustle.com: se avete amato le pellicole candidate all’ambita statuetta di miglior film, allora è molto probabile che amerete anche questi libri!

 
Se avete amato “American sniper”, allora leggete “Unbroken”, di Laura Hillenbrand
Se avete amato il film di Clint Eastwood e la sua descrizione della realtà e degli orrori della guerra, il libro di Laura Hillenbrand è assolutamente consigliato. La seconda guerra mondiale vista attraverso gli occhi di Louis Zamperini vi porterà nel cuore del dramma, così come gli occhi di Chris Kyle vi hanno condotto nel conflitto iraqeno.

 
Se ti è piaciuto “La teoria del tutto”, allora vi consigliamo “L’ultima lezione”, di Randy Pausch
Stephen Hawking ha dovuto affrontare il fatto che la sua malattia avrebbe potuto debilitarlo a tal punto da non poter proseguire la sua carriera scientifica, e avrebbe potuto farlo molto prima di quanto temesse. “L’ultima lezione” riprende quella che fu davvero l’ultima lezione del professore universitario Randy Pausch, malato terminale di cancro, che con questo ultimo lascito pieno di coraggio e di ironia, racconta i propri sogni e l’importanza di trascorrere la vita perseguendoli.”

 
Se avete amato “The imitation game”, allora leggete “La talpa”, di John Le Carré
Un classico moderno, la caccia alla talpa sovietica all’interno dei servizi segreti britannici è un libro che si divora a una velocità fulminante. Coglierete tutti gli aspetti della decriptazione di codici che tanto vi ha appassionato in “The imitation game”, e il ritratto romanzato che Le Carré fa di George Smiley è assolutamente sublime.

 
Se vi è piaciuto il film premio Oscar “Birdman”, allora vi consigliamo “Scavare fino al centro della terra”, di Kevin Wilson
Questo autore è capace di creare storie di ordinaria follia, nel quale le situazioni più banali degenerano in scenari imprevedibili, surreali e grotteschi. Riggan Thomson, il protagonista di “Birdman”, conosce molto bene questa sensazione, e potrebbe benissimo essere uno dei personaggi degli eccentrici racconti di Kevin Wilson.

 
Se avete amato “Boyhood”, allora leggete “A casa di Dio”, di David Mitchell
La peculiarità più affascinante di “Boyhood” è l’incredibile precisione con la quale viene dettagliatamente messa in scena la crescita del protagonista. “A casa di Dio” offre uno scorcio simile nella crescita del suo protagonista lungo gli anni. Il giovane Jason Taylor viene rappresentato dall’autore con ironia e tenerezze mentre scopre, una dopo l’altra, tutte le “prime volte” della sua vita.
 
24 febbraio 2015

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti