Sei qui: Home » Intrattenimento » Cinema » “La forma dell’acqua”, quando l’amore non ha limiti
film da vedere

“La forma dell’acqua”, quando l’amore non ha limiti

Vincitore di 4 Premi Oscar, scopriamo perché il film “La forma dell’acqua” di Guillermo del Toro è un capolavoro della cinematografia

La forma dell’acqua” è uno dei capolavori del regista messicano Guillermo del Toro che ne ha anche scritto il libro. Uscito nel 2017, si è aggiudicato ben 4 statuette dell’Accademy Awards nel 2018. Se ve lo siete persi, vi raccontiamo cosa aspettarvi da questo meraviglioso film.

 

“La forma dell’acqua”, la trama

“La forma dell’acqua” è ambientato nel 1963. La solitaria Elisa, senza voce fin dalla nascita, presta servizio come donna delle pulizie in un laboratorio segreto del governo americano, all’interno del quale avvengono esperimenti classificati top secret. Un giorno Elisa si imbatte in una strana creatura, metà uomo e metà pesce, che è sotto studio da parte degli scienziati e viene spesso trattata con metodi brutali. Tra la donna e il “mostro” si instaura un legame sempre più profondo, che viene visto con diffidenza dai supervisori della struttura. Elisa deciderà così di salvare la creatura dagli artigli del laboratorio.

forrest-gump-lezione-vita-1201-568

Forrest Gump, una lezione di vita sulla sensibilità

Vincitore di 6 premi Oscar, Forrest Gump di Robert Zemeckis è diventato un film di culto grazie al suo messaggio profondo

 

Oltre le differenze

Guillermo del Toro è famoso per mettere sul grande schermo i deboli e i discriminati. Anche ne “La forma dell’acqua” i protagonisti fanno parte di queste categorie. Da un lato abbiamo Elisa, muta dalla nascita e sola. Dall’altra la creatura, un mostro, agli occhi degli altri, che deve solo essere studiato. È proprio tra i due miserabili (come li definirebbe Hugo) che parte la rivoluzione. Un sentimento profondo nasce da quella diversità che li accomuna e li rende capaci di comprendersi. La creatura, infatti, si dimostra sensibile alla ragazza che lo accoglie e lo conforta.

Leggi anche: La forma dell’acqua e la metafora dell’amore

La forza dell’acqua

Siamo di fronte ad una favola noir fatta di romanticismo e sangue dove bisogna combattere violentemente perché si realizzi un lieto fine. L’acqua è al centro di tutto, esattamente come in natura dall’acqua nasce la vita, così nel film nasce l’amore e la vita si rinnova. La stessa acqua con cui Elisa puliva i gabinetti e i pavimenti del laboratorio, ora le permette di cambiare pagina e ricominciare da capo in un luogo dove non sarà più la giovane emarginata.

© Riproduzione Riservata