Sei qui: Home » Intrattenimento » Giorno della memoria, due programmi di La F per la commemorazione
Cosa guardare

Giorno della memoria, due programmi di La F per la commemorazione

LaF celebra il Giorno della Memoria con due programmi, in prima e seconda serata, "Orwell 2.0 – Il lato oscuro del progresso" e "Fuoco Sacro – Il Talento e la Vita"

La F propone due programmi in occasione del Giorno della Memoria, istituito per la commemorazione delle vittime della Shoah, giovedì 27 gennaio 2022. Vuole raccontare attraverso il documentario “Orwell 2.0 – Il lato oscuro del progresso” e la produzione originale “Fuoco Sacro – Il Talento e la Vita” le storie di tre grandi scrittori che si sono trovati ad affrontare il secondo conflitto mondiale e il periodo post bellico, provando a sopravvivere ai grandi sconvolgimenti grazie anche alla forza della loro arte e del loro pensiero: George Orwell, Cesare Pavese ed Elsa Morante.

Giorno della memoria, due programmi di La F per la commemorazione

“Orwell 2.0 – Il lato oscuro del progresso”

Il primo dei due programmi ripercorre la vita e le opere del giornalista e scrittore britannico visionario George Orwell. L’autore di “1984”, scomparso il 21 gennaio 1950, ha lasciato in eredità in tutte le sue opere la critica verso il totalitarismo e il sopruso politico, come il nazifascismo, il comunismo sovietico, il franchismo, il colonialismo britannico, tanto da essere definito il maggior scrittore politico del Novecento. Realizzato da 3D Produzioni ed EFFE TV per laF, il doc offre anche un inedito spaccato privato della vita di George Orwell e della sua eclettica personalità, grazie anche alla testimonianza del loro figlio adottivo Richard Horatio Blair.

Arricchiscono la narrazione numerosi contributi di critici letterari, scrittori, filosofi, politologi, funzionari di intelligence ed esperti di privacy e cyber-sicurezza, come Antonio Scurati, Tommaso Pincio, Filippo La Porta, Bernardo Valli, Michael Attenborough, il suo biografo David John Taylor, Carola Frediani, Walter Quattrociocchi, Danilo Benedetti e i suoi traduttori italiani, Stefano Manferlotti e Nicola Gardini.

Il racconto sulla Shoah che ogni genitore dovrebbe leggere ai propri figli

Il racconto sulla Shoah che ogni genitore dovrebbe leggere ai propri figli

Questa è la vera storia di Ela Pasternak e Marian Kaminski, ebrei polacchi che hanno vissuto la guerra da bambini e che oggi testimoniano la loro storia, insieme ad altre voci, nel libro “I bambini raccontano la Shoah”

 

“Fuoco Sacro – Il Talento e la Vita” 

A seguire gli episodi “Cesare Pavese – Da C. a C.” ed “Elsa Morante – Sulle tracce della madre” tratti da FUOCO SACRO – Il Talento e la Vita, produzione originale laF – tv di Feltrinelli realizzata in co-produzione con EchiVisivi, con la narrazione appassionata dello scrittore Paolo Di Paolo.

Il primo episodio, dedicato a Cesare Pavese, grazie anche all’interpretazione di Pietro De Silva, ripercorre la vita dello scrittore piemontese vincitore del Premio Strega nel 1950 per il romanzo “La Bella Estate”, dall’infanzia nelle Langhe, che gli ispireranno il suo capolavoro “La luna e i falò”, agli amori infelici, in particolare l’ultimo, per l’attrice Costance Dowling, di cui scriverà nelle ultime pagine del suo diario e nella raccolta di poesie “Verrà la morte e avrà i tuoi occhi”.

Un’“angosciosa inquietudine”, come lui stesso la definì, che lo porterà all’estrema decisione di togliersi la vita, anche se, come scrive nel diario “Il Mestiere di vivere”: “Non ci si uccide per amore di una donna. Ci si uccide perché un amore, qualunque amore, ci rivela nella nostra nudità, miseria, inermità, nulla”.

Segue il secondo dei due programmi racconto della vita di Elsa Morante, interpretata da Sonia Bergamasco, attraverso le parole del suo ultimo e più misterioso romanzo, “Aracoeli”, scritto tra il 1976 e il 1982: la storia di un omosessuale quarantenne ossessionato dal ricordo dell’infanzia e dal rapporto con la madre deceduta, che parte per la Spagna in cerca delle sue origini. Un libro in cui emerge, con ancor più forza, la centralità del ruolo della madre, maestra ebrea modenese, nella sua scrittura e il doloroso conflitto materno che ha accompagnato tutta la sua vita fin dall’infanzia, vissuta nel quartiere Testaccio di Roma.

Le polemiche intorno al romanzo la turbano, nonostante il clamoroso successo e la vicinanza dei lettori che le scrivono lettere appassionate.

 

© Riproduzione Riservata