Sei qui: Home » Intrattenimento » Franco Battiato, le sue 5 canzoni più belle
Le canzoni di Franco Battiato

Franco Battiato, le sue 5 canzoni più belle

Oggi, 18 Maggio 2021, ci ha lasciato uno dei più grandi artisti italiani: Franco Battiato. Ricordiamo le sue 5 canzoni più belle.

Ci ha lasciato oggi, 18 Maggio 2021, uno dei più grandi artisti Italiani: Franco Battiato. Un artista poliedrico, inarrivabile, che ha donato la sua arte a 360 gradi. Tra le sue tante passioni, tra cui il cinema, ricordiamo i 5 brani che hanno meglio caratterizzato la sua carriera. Sperando che noi, qui, saremo in grado di onorare e ricordare come si deve, un uomo come lui.

La musica di Franco Battiato

Le canzoni di Franco Battiato non sono solamente dei capolavori musicali, ma anche e soprattutto delle poesie. Per questo motivo, nel giorno della sua morte, vogliamo ricordare 5 brani imperdibili del cantautore. 
Quella di oggi è sicuramente una delle perdite più dolorose degli ultimi mesi. L’Italia perde un altro caposaldo della propria cultura. Lo stesso Dario Franceschini, in un comunicato stampa, afferma:

“Ci ha lasciato un Maestro. Uno dei più grandi della canzone d’autore italiana. Unico, inimitabile sempre alla ricerca di espressioni artistiche nuove. Lascia una eredità perenne”. 

In questo articolo, potete leggere il suo percorso artistico, le sue sfide politiche e lo sviluppo della sua carriera. 

La cura

Prima di menzionale qualsiasi altra canzone di Franco Battiato, dobbiamo sicuramente partire con “La cura”. Un capolavoro senza paragoni, pubblicato nel 1997 ed estratto dall’album L’imboscata. Il brano, in versione digitale, è certificato doppio disco di platino con oltre 60.000 copie vendute. 

Ti solleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d’umore
Dalle ossessioni delle tue manie
Supererò le correnti gravitazionali
Lo spazio e la luce per non farti invecchiare
E guarirai da tutte le malattie
Perché sei un essere speciale
Ed io, avrò cura di te

Voglio vederti danzare

“Voglio vederti danzare” è uscita per la prima volta con l’album di Franco Battiato “L’arca di Noè”  nel 1982. Questo brano, che ha moltissimi richiami alla musica etnica, è stato tradotto anche in inglese e spagnolo dallo stesso Battiato. 

E gira tutto intorno alla stanza mentre si danza, danza
E gira tutto intorno alla stanza mentre si danza

E ti vengo a cercare

“E ti vengo a cercare” è la seconda traccia del quindicesimo album di Franco Battiato, Fisiognomica, pubblicato nel 1996. Una vera e propria poesia, che ha portato lo stesso Tiziano Ferro ad inciderla nel suo ultimo album di Cover “Accetto miracoli: l’esperienza degli altri”.  

E ti vengo a cercare
Anche solo per vederti o parlare
Perché ho bisogno della tua presenza
Per capire meglio la mia essenza.

 La stagione dell’amore

La stagione dell’amore è un brano estrapolato da  “Orizzonti perduti“,  il tredicesimo album in studio di Franco Battiato, pubblicato nel dicembre 1983. Una canzone che parla delle passioni nella terza età, mature, consapevoli. Uno sguardo profondo su quello che, per Battiato, è sempre stato il fulcro della sua musica: l’amore. 

La stagione dell’amore viene e va
I desideri non invecchiano quasi mai con l’età
Se penso a come ho speso male il mio tempo
Che non tornerà, non ritornerà più

 

Centro di gravità permanente

Centro di gravità permanente, è stata cantata a squarciagola anche nella serie tv Netflix, ricordate? (QUI il video). 
Il singolo, pubblicato all’interno dell’album “La voce del padrone” settembre 1981, ha venduto ben 60.000 copie.  

Avrei bisogno di
Cerco un centro di gravità permanente
Che non mi faccia mai cambiare idea sulle cose sulla gente

 

 

Stella

© Riproduzione Riservata