Sei qui: Home » Intrattenimento » Franceschini: “No pubblico o figuranti a Sanremo 2021”. Amadeus lascia?
il dibattito

Franceschini: “No pubblico o figuranti a Sanremo 2021”. Amadeus lascia?

Così si è espresso su Twitter il ministro dei beni culturali Dario Franceschini in merito alla possibilità della presenza all’interno del Teatro Ariston di un pubblico di figuranti in occasione di Sanremo 2021.

“Il Teatro Ariston di Sanremo è un teatro come tutti gli altri e quindi, come ha chiarito ieri il ministro Roberto Speranza, il pubblico, pagante, gratuito o di figuranti, potrà tornare solo quando le norme lo consentiranno per tutti i teatri e cinema. Speriamo il prima possibile.” Così si è espresso su Twitter il ministro dei beni culturali Dario Franceschini in merito alla possibilità della presenza all’interno del Teatro Ariston di un pubblico di figuranti in occasione di Sanremo 2021.

La reazione di Amadeus

Il tweet di Franceschini non è stato gradito dal conduttore di Sanremo 2021 Amadeus. Secondo quanto riportato sul Corriere della Sera, Amadeus sarebbe pronto a rimettere il suo mandato di direttore artistico di Sanremo. Amadeus e il suo entourage hanno sempre parlato della difficoltà per gli artisti di esibirsi davanti a un teatro vuoto. A destare preoccupazione sulla vicenda il fatto che martedì il ministro della Salute Roberto Speranza non avesse parlato di figuranti. Franceschini invece si, e le cui parole sembrano per questo un attacco al Festival. Inoltre, lo staff di Amadeus farebbe notare come da tempo molti altri programmi tv vanno in onda con un pubblico di figuranti scritturati.

La lettera del ministro Speranza

“Per quanto concerne gli spettacoli che si svolgono in sale teatrali – qual è, per l’appunto, il Festival di Sanremo – restano vigenti le prescrizioni di cui all’articolo 1 comma 10 del decreto del presidente del Consiglio dei ministri 14 gennaio 2021, che consente lo svolgimento degli spettacoli in assenza di pubblico.” E’ quanto si legge nella lettera del ministro Speranza inviata al coordinatore del Cts Agostino Miozzo dopo le richieste dei discografici sullo svolgimento del festival di Sanremo. 

La posizione degli artisti

Qualche giorno fa avevamo raccolto in un articolo il punto di vista di alcuni esponenti della cultura italiana in merito all’eventualità della presenza di pubblico a Sanremo 2021. La regista Emma Dante ha scritto sul suo profilo Facebook: “Se decidi di fare Sanremo con il pubblico, riapriranno teatri e cinema. È pacifico.” A pensarla allo stesso modo Renzo Arbore, che, come riportato da La Stampa, dichiara: “Il Festival faccia di necessità virtù. Il pubblico vero non si può avere ma dei figuranti sì. Basteranno ad Amadeus e Fiorello che sono bravissimi e sapranno inventarsi qualcosa di adatto per giocare comunque. Non si può fare finta di niente: gli spettatori sanno benissimo che teatri e cinema sono ancora chiusi e che è un Festival nato in una pandemia”.

© Riproduzione Riservata