Sei qui: Home » Intrattenimento » Teatro » Perché l’Ariston riapre al pubblico per Sanremo e gli altri teatri e cinema no
il dibattito

Perché l’Ariston riapre al pubblico per Sanremo e gli altri teatri e cinema no

Pubblico a Sanremo? In molti storcono il naso perché tale decisione andrebbe contro ogni Dpcm e regola in vigore in questo periodo

Perché il teatro Ariston riapre al pubblico in vista dell’edizione 2021 di Sanremo e gli altri teatri e cinema italiani rimangono chiusi? Il mondo della cultura è diviso sull’argomento. Molti storcono il naso perché tale decisione andrebbe contro ogni Dpcm e regola in vigore in questo periodo.

Pubblico a Sanremo, si o no?

La decisione di Amadeus di far tornare il pubblico al teatro Ariston in occasione di Sanremo 2021, che si svolgerà dal 2 al 6 marzo, ha suscitato diverse reazioni. La regista Emma Dante ha scritto sul suo profilo Facebook: “Se decidi di fare Sanremo con il pubblico, riapriranno teatri e cinema. È pacifico.” A pensarla allo stesso modo Renzo Arbore, che, come riportato da La Stampa, dichiara: “Il Festival faccia di necessità virtù. Il pubblico vero non si può avere ma dei figuranti sì. Basteranno ad Amadeus e Fiorello che sono bravissimi e sapranno inventarsi qualcosa di adatto per giocare comunque. Non si può fare finta di niente: gli spettatori sanno benissimo che teatri e cinema sono ancora chiusi e che è un Festival nato in una pandemia”.

La precisazione di Fiorello e Amadeus

Ieri sera, ospiti di “Che tempo che fa” su Rai3, i due conduttori Amadeus e Fiorello sono intervenuti sul tema legato alla presenza del pubblico a Sanremo. Così Fiorello: “L’Ariston in quelle cinque serate non sarà un teatro, ma uno studio televisivo. Da pubblico pagante a pubblico pagato è un attimo. Noi abbiamo il pubblico di “C’è posta per te”, gli stessi verranno, perché tutti bravi sono.” All’interno del Teatro Ariston ci sarà quindi un pubblico di figuranti, motivo per il quale Sanremo 2021 non può configurarsi in nessun caso come evento pubblico. Tramontata, infatti, la prima ipotesi di un pubblico ospitato su una nave da crociera, pensata per creare una sorta di “bolla” contro i contagi da Covid-19.

 

© Riproduzione Riservata