Coronavirus

Milano, il video che racconta il lockdown attraverso le statue della città

Realizzato con un drone nella Milano del lockdown, "Ali dorate" è un viaggio nelle strade deserte della città attraverso gli occhi e le orecchie delle statue
video-statue

Ali dorate è il nuovo cortometraggio di Finazzer Flory, che racconta Milano attraverso gli occhi e le orecchie di 19 statue in giro per la città. Perché loro sono rimaste sole, ma non in silenzio. Realizzato con un drone, il corto racconta una Milano inedita, immersa nel silenzio, ferita, spopolata, a causa del lockdown.

“Siamo sempre stati qui e non ci avete mai chiesto cosa pensassimo, cosa potessimo fare per voi. Dove siete? Cos’è successo? Perché questo silenzio? E’ vero, ci siamo dispiaciuti, a volte lamentati, perché eri sempre di corsa, ma in fondo ci piacevi così. Ora ci manchi da morire…”

Milano attraverso le sue statue

Da San Francesco che interroga Dio a Manzoni e Leonardo, preoccupati dal silenzio surreale della Scala, alla Madonnina malinconica senza il movimento di Milano, fino a Verdi severo ma convinto che, se torneremo all’antico, ci sarà progresso. Altre statue inaspettate, come Ambrogio, raccontano che è tempo di cambiare, mentre Costantino è certo che solo il tempo saprà guarirci. Quello di Finazzer Flory è un invito a credere a Milano e alle sue statue, testimoni della storia: “Tornate all’antico e camminerete di nuovo, sotto il nostro sguardo, ma il tempo guarirà tutto. Tornate…tornate”.

Chi è Finazzer Flory

Nato a Monfalcone nel 1964, Massimiliano Finazzer Flory è un drammaturgo, regista e autore di alcuni importanti cortometraggi.  A 150 anni dalla morte di Charles Baudelaire, Finazzer Flory realizza il cortometraggio “Parigi Baudelaire”, passeggiata poetica. Nel gennaio 2019 realizza e produce il lungometraggio “Essere Leonardo da Vinci”, in collaborazione con Rai Cinema. Assessore alla Cultura del Comune di Milano tra il 2008 e il 2011, ha collaborato con il Corriere della Sera e ha diretto due collane editoriali per San Paolo Edizioni e Skira Editore.

 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti