Sei qui: Home » Frasi » Le frasi più belle da dedicare agli insegnanti

Le frasi più belle da dedicare agli insegnanti

Oggi è la Giornata mondiale degli insegnanti. Scopriamo insieme alcune delle frasi più belle da dedicare a queste figure fondamentali per la crescita della società.

Ogni anno, il 5 ottobre si festeggia in tutto il mondo la Giornata degli insegnanti, una ricorrenza istituita dall’Unesco per celebrare una delle figure più importanti della nostra sfera sociale. Quella degli insegnanti, infatti, non è soltanto una professione, ma anche una vocazione che fa crescere chi la sperimenta e chi ne è fruitore.

 

Perché si celebra la Giornata mondiale degli insegnanti

Istituita dall’Unesco nel 1993, la Giornata mondiale degli insegnanti è nata per ricordare la sottoscrizione delle Raccomandazioni dell’Unesco sullo status dell’insegnante e per mettere in evidenza il ruolo degli insegnanti nell’attuazione dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

La ricorrenza ricade il 5 ottobre proprio in memoria di un lontano 5 ottobre, quello del 1966, in cui Unesco e Labour International Organization firmarono a Parigi le Raccomandazioni sullo Status dell’insegnante, documento di primaria importanza nell’istituzione del ruolo di formatore e nella normativa del suo lavoro.

Le frasi più belle da dedicare agli insegnanti

In occasione di una ricorrenza tanto speciale, in cui siamo chiamati a riflettere sul valore degli educatori e su quanto ciascuno di noi debba a tutti coloro che lo hanno formato nel corso della vita, scopriamo alcune tra le frasi più significative da dedicare agli insegnanti.

 

“La scelta di un giovane dipende dalla sua inclinazione, ma anche dalla fortuna di incontrare un grande maestro”.

Rita Levi Montalcini

**********************

“Il vero Maestro non rende mai dipendenti i suoi seguaci e i suoi discepoli; li aiuta a essere indipendenti, a essere liberi. Non dà mai loro uno specifico schema di vita; si limita a dare loro degli spunti su come conseguire direttamente, in prima persona, la luce. Li aiuta a essere se stessi, non impone mai la sua personalità ai suoi discepoli”.

Osho

**********************

“Un insegnante colpisce per l’eternità; non si può mai dire dove la sua influenza si ferma”.

Henry Brooks Adams

**********************

“Gli insegnanti devono amare con curiosità antropologica quella tribù di alunni che ogni mattina si trovano di fronte”.

Daniel Pennac

**********************

“Sono grato a mio padre per vivere, ma al mio maestro per vivere bene”.

Alessandro Magno

**********************

“Ogni studente suona il suo strumento, non c’è niente da fare. La cosa difficile è conoscere bene i nostri musicisti e trovare l’armonia. Una buona classe non è un reggimento che marcia al passo, è un’orchestra che prova la stessa sinfonia”.

Daniel Pennac

**********************

“L’insegnante è la persona alla quale un genitore affida la cosa più preziosa che possiede suo figlio: il cervello. Glielo affida perché lo trasformi in un oggetto pensante. Ma l’insegnante è anche la persona alla quale lo Stato affida la sua cosa più preziosa: la collettività dei cervelli, perché diventino il paese di domani”.

Piero Angela

**********************

“Un maestro non ammaestra; educa, eleva”.

Paolo Crepet

**********************

“Colui che è maestro di scuola può cambiare la faccia del mondo”.

Leibniz

**********************

“Se davvero si vuole conoscere il futuro, non chiedete un tecnico, a uno scienziato o a un fisico. No! E non chiedete neppure a qualcuno che sta scrivendo il codice software. Se volete sapere ciò che sarà la società tra 20 anni, chiedete a una maestra di scuola”.

Clifford Stoll

**********************

“In una società completamente razionale, i migliori di noi dovrebbero aspirare a diventare insegnanti e il resto di noi dovrebbe adattarsi a qualcosa di meno, perché il trasmettere la civiltà da una generazione a quella successiva dovrebbe essere l’onore più alto e la più alta responsabilità che chiunque possa mai avere”.

Lee Iacocca

**********************

“Solo gli insegnanti mediocri insegnano ciò che sanno, perché quelli buoni insegnano anche ciò che non sanno. I migliori? Insegnano quello che nessuno saprà mai”.

Mauro Parrini

© Riproduzione Riservata

Lascia un commento