”Quello che manca. Un viaggio intorno a Napoli”, il nuovo libro del fotografo Salvatore Esposito

Questo pomeriggio il fotografo Salvatore Esposito sarà a Roma per presentare il libro di cui è co-autore insieme ad Angelo Petrella ''Quello che manca. Un viaggio intorno a Napoli''...

Il libro,  che propone il volto della Napoli più inesplorata, è stato realizzato con Angelo Petrella. Quest’oggi il fotografo napoletano presenterà il testo nell’ambito del Festival Fotoleggendo

MILANO – Questo pomeriggio il fotografo Salvatore Esposito sarà a Roma presso l’Istituto Superiore Antincendi per presentare il libro di cui è co-autore insieme ad Angelo Petrella “Quello che manca. Un viaggio intorno a Napoli”, edito da Contrasto. L’incontro avverrà nell’ambito del Festival Fotoleggendo, organizzato da Officine Fotografiche.

UN VIAGGIO INTORNO A NAPOLI – Esposito, in dialogo con Roberto Koch, racconterà del suo “viaggio intorno a Napoli”, la città in cui vive, e di cui nel libro ha restituito per immagini e parole la quotidianità, con un approccio estremamente realistico e profondamente intimo al tempo stesso. Esposito racconterà cosa manca nelle carceri di Napoli, nei vicoli, nei centri di spaccio, dentro le case caratterizzate da uno sfacciato abusivismo edilizio, lungo i territori abbandonati all’illegalità. Se è vero che “quello che manca è sempre quello che piace di più”, come ha affermato un detenuto del penitenziario minorile di Nisida, il libro, che sarà presentato il 13 ottobre a Roma, è un documento prezioso per comprendere la città di Napoli che nelle parole di Petrella “è un paradosso, non una sintesi dialettica”.


LA NAPOLI PIU’ NASCOSTA
– Alla ricerca di “quello che manca”, infatti, i due autori del libro si sono addentrati nel microcosmo di Napoli e nelle sue innumerevoli narrazioni. Entrambi napoletani, Salvatore Esposito e Angelo Petrella si sono immersi tra gli strati di una metropoli multiforme, nei suoi pezzi di società invisibile, emergendone poi con un racconto lucido e partecipato, sconvolgente e tenero. Scampia, Castel Volturno, Forcella, Marigliano: sono le tappe di questi attraversamenti geografici e intimi. Le immagini di Esposito costruiscono un’eccezionale narrazione fotografica che non risparmia nulla della complicata realtà che il fotografo da anni va esplorando. I testi di Angelo Petrella accompagnano il lettore nell’esplorazione di quegli stessi luoghi, raccontano le voci di chi li vive, le storie e gli sforzi di chi lì ha deciso non solo di sopravvivere ma di credere nel cambiamento.

PAROLE E IMMAGINI – Le parole non illustrano le immagini, né viceversa, ma i due linguaggi percorrono strade parallele di narrazione e approfondimento, ognuno con la propria sintassi, ognuno prezioso controcanto dell’altro. A Napoli esistono itinerari conosciuti e meno. In entrambi, Napoli è sempre la stessa: una città complessa, paradossale, su cui si è scritto troppo. E su cui non si riesce a fare a meno di continuare a scrivere.

I DUE AUTORI – Salvatore Esposito è nato nel 1976 a Napoli, dove vive e lavora. Comincia a lavorare nel 1998 come assistente fotografo e inizia la professione di fotogiornalista nel 2004, collaborando stabilmente con un quotidiano cittadino e occupandosi di cronaca. Nel 2006 lascia il giornale e inizia a collaborare come freelance con agenzie nazionali e internazionali. Contemporaneamente intraprende lavori di reportage a lungo termine sulla criminalità a Napoli. Dal 2009 è rappresentato da Contrasto. Angelo Petrella è nato nel 1978 a Napoli, dove vive. Come scrittore ha esordito con l’editore Meridiano Zero, pubblicando i romanzi Cane rabbioso (2006) e Nazi Paradise (2007), poi riproposti assieme nel tascabile Napoli nera (2009). Con Garzanti pubblica nel 2008 La città perfetta – tradotto anche in Francia e più volte ristampato – e, nel 2012, Le api randage. Sceneggiatore per il cinema e la televisione, autore di testi per il teatro e giornalista, ha collaborato con diversi quotidiani e riviste, tra cui Vanity Fair. Attualmente scrive regolarmente per il quotidiano Il Mattino di Napoli.

13 ottobre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti