Immagini storiche

Le 10 fotografie simbolo della nonviolenza

Le immagini che raccontano le diverse espressioni di opposizione ad ogni forma di violenza
La protesta Tess Asplund

MILANO – “Mettete i fiori nei vostri cannoni” recita una celebre frase e, spesso, è stata presa alla lettera da chi ha combattuto in maniera moderata e coraggiosa per la pace. Negli anni si sono susseguiti gesti di protesta attuati in chiave non violenta per rivendicare i diritti calpestati. Da Nelson Mandela – liberato dopo 27 anni di prigionia  – alla più recente protesta di Tess Asplund (che ha sfidato il corteo neonazista in Svezia) vi proponiamo 10 foto simbolo della nonviolenza che immortalano gesti di persone che hanno lottato contro una realtà opprimente e aggressiva.

 

Viktor Yushchenko a sostegno della rivolta ucraina

Manifestazione nonviolenta a sostegno del leader dell’opposizione ucraina Viktor Yushchenko, 24 novembre 2004.

 

KIEV, UKRAINE: A supporter of pro-Western opposition leader Viktor Yushchenko places a flower on a riot policeman's shield as they guard the Presidential office building in Kiev, 24 November 2004. The political crisis in Ukraine deepened Wednesday as opposition leaders refused to negotiate over a disputed presidential election and their supporters entered a third day of mass street protests. AFP PHOTO / VIKTOR DRACHEV (Photo credit should read VIKTOR DRACHEV/AFP/Getty Images)
24 novembre 2004, Kiev, Ucraina

 

Jan Rose Kasmir fronteggia la Guardia Nazionale 

Jan Rose Kasmir è una liceale di 17 anni che il 21 ottobre 1967 fronteggia la Guardia Nazionale davanti al Pentagono a Washington, Stati Uniti d’America, durante la marcia contro la guerra in Vietnam, offrendo un fiore di crisantemo ai soldati con il fucile spianato. Quest’immagine ha fatto il giro del mondo diventando negli anni 60/70, in America, il simbolo della nonviolenza e della lotta alla guerra del Vietnam.

 

Jan-Rose-Kasmir-21-October-1967
Marc Riboud – Washington D.C – 21 Oct 1967 – In front of the Pentagone, Jan Rose Kasmir

 

I soldati iraniani con i garofani nei fucili

Isfahan, Iran, 1979. Soldati iraniani con garofani infilati nelle canne dei fucili come simbolo di nonviolenza, era il dicembre 1979 (AP Photo/Michel Lipchitz)

 

An Iranian soldier holds a gun with a carnation stuck in it during a demonstration in Isfahan, Dec. 1979. (AP Photo/Michel Lipchitz)
Un soldato iraniano imbraccia il suo fucile con la canna ostruita da un garofano.

 

I fiori nelle canne dei fucili

Storica foto scattata da Bernie Boston in cui un manifestante infila dei fiori nelle canne dei fucili di soldati della Guardia Nazionale durante una manifestazione contro la guerra in Vietnam a Washington, D.C., 22 ottobre 1967 (AP Photo/Estate of Bernie Boston)

 

flower-power-1967
Flower Power, 1967 – Foto di Bernie Boston nominato al Premio Pulitzer – Marcia del 21 Ottobre 1967

 

La ragazza che dona il fiore agli agenti

Una giovane ragazza dona un fiore come simbolo di pace ad un agente di polizia, come chiaro gesto di nonviolenza.

 

Flower_Power_demonstrator

 

Il ragazzo che bloccò i carri armati a Piazza Tiananmen

Storica foto quella di un manifestante cinese davanti a una fila di carri armati a Chang’an Avenue, vicino a Piazza Tiananmen a Pechino, il 5 giugno del 1989, un giorno dopo l’inizio della violenta repressione del governo cinese contro i manifestanti. I carri armati cercarono di aggirarlo ma il ragazzo li bloccò più volte e alla fine salì su un panzer per parlare brevemente con i soldati. Allontanato poi dalla folla, da manifestanti o dai servizi segreti cinesi, non se ne è avuta più traccia.

 

 

La Rivoluzione dei garofani

La Rivoluzione dei garofani (port. Revolução dos Cravos) fu il colpo di Stato incruento attuato nel 1974 da militari dell’ala progressista delle forze armate del Portogallo che pose fine al lungo regime autoritario fondato da António Salazar e che portò al ripristino della democrazia nel Paese dopo due anni di transizione tormentati da aspre lotte politiche. Il colpo di Stato portoghese fu anomalo, in quanto i militari ebbero immediatamente l’appoggio della popolazione (nonostante, peraltro, i comunicati dell’MFA chiedessero ai civili di restare in casa).
Il nome di Revolução dos Cravos deriva dal gesto di una fioraia, che in una piazza di Lisbona offrì garofani ai soldati. I fiori furono infilati nelle canne dei fucili, divenendo simbolo della rivoluzione e insieme segnale alle truppe governative perché non opponessero resistenza.

 

53e48d0cdca492020d0001bd_1429881650142_720
Militari in protesta

 

Sereno Regis è la storia di un apostolo tollerante

Dalla Resistenza all’esperienza della Gioc, dalle proteste sindacali alla fondazione dei Comitati di quartiere, Sereno Regis è uno dei personaggi più attivi del dopoguerra torinese e italiano. Una personalità che ha sempre portato avanti un’idea di pace e democrazia, intendendo la parola “democrazia” carica di significato popolare; una democrazia che è partecipazione ed una partecipazione che è «potere dal basso e potere di tutti». Quella di Domenico Sereno Regis è la storia di un apostolo tollerante, come lo definì Pietro Polito, custode di una sua verità, ma che ha sempre portato avanti con caparbietà.

 

sereno-regis-manifestazione
Protesta di Sereno Regis

 

Nelson Mandela festeggiò il rilascio dal carcere

Simbolo della lotta contro l’apartheid e la nonviolenza Nelson Mandela festeggiò il rilascio dal carcere alzando il pugno insieme alla moglie Winnie Madikizela. Era l’11 febbraio del 1990 e Mandela era stato in carcere per 27 anni. (AP FOTO)

 

 

Tess Asplund alza il pugno al corteo dell’estrema destra 

Anche in tempi meno sospetti continua la lotta non violenta contro i rigurgiti nazi-fascisti. Per questo Tess Asplund ha alzato il pugno a un metro dal corteo dell’estrema destra a Borlänge. La foto e il video del momento sono diventati virali. La donna ha così sfidato il Movimento di resistenza nordica (Nordiska motståndsrörelsen) a Borlänge, nella Svezia centrale, durante la loro marcia del Primo maggio.

 

 

 

Potrebbero anche interessarti

GLI AFORISMI PIU’ CELEBRI SULLA NONVIOLENZA

5 LIBRI DA LEGGERE SULLA NONVIOLENZA 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti