Sei qui: Home » Fotografia » Ferdinando Scianna, la mostra al Palazzo Reale di Milano
Mostre da non perdere

Ferdinando Scianna, la mostra al Palazzo Reale di Milano

La mostra dedicata a Ferdinando Scianna e ospitata dal Palazzo Reale di Milano volge al termine, ma prima una splendida sorpresa stupirà i visitatori.

“Ferdinando Scianna. Viaggio, racconto, memoria” è una magnifica mostra che ha aperto le porte al pubblico lo scorso 21 marzo a Milano.
Il Piano Nobile del Palazzo Reale ospiterà, infatti, fino al 5 giugno 2022, 200 opere – divise in più sezioni – del grande fotografo siciliano Ferdinando Scianna,nato a Bagheria nel 1943 e divenuto celebre grazie ai suoi meravigliosi scatti, che gli hanno permesso di essere il primo fotografo italiano a far parte dal 1982 dell’agenzia fotografica internazionale Magnum Photos.

In occasione degli ultimi 10 giorni di esposizione, i curatori della mostra hanno in serbo una splendida sorpresa per i fortunati visitatori. Scopriamo subito di cosa si tratta!

Brindisi in mostra con Ferdinando Scianna

Quanto sarebbe curioso e interessante ammirare le opere d’arte di una mostra avendo la possibilità di interloquire direttamente con l’autore per scoprire i retroscena e le vicissitudini che si nascondono dietro ad una tela o ad una fotografia?  Sarebbe qualcosa di straordinario sapere quale occasione si celi dietro alla creazione di un’opera, quale ispirazione abbia fatto nascere uno scatto sensazionale. E se vi dicessimo che tutto questo sarà possibile alla mostra dedicata a Ferdinando Scianna?

Con l’occasione degli ultimi 10 giorni di apertura, giovedì 26 maggio, dalle ore 19.00 alle ore 20.00, una piacevole sorpresa attenderà i visitatori in mostra. Sarà presente Ferdinando Scianna per accogliere i suoi ospiti e raccontare storie e aneddoti sui suoi scatti, firmare i cataloghi al bookshop, a conferma del grande successo, soprattutto di giovani, per le esposizioni fotografiche, e di vendite dei cataloghi e volumi dedicati al lavoro del grande fotografo siciliano.

A tutti i visitatori presenti, prenotati o meno, che interverranno all’iniziativa, verrà offerto un calice di bollicine.

Ferdinando Scianna. Viaggio, racconto, memoria

Ma vediamo più da vicino in cosa consiste questa straordinaria esposizione dedicata a Ferdinando Scianna e ospitata dal Piano Nobile del Palazzo Reale di Milano.

Con oltre 200 fotografie in bianco e nero stampate in diversi formati, la rassegna attraversa l’intera carriera del grande fotografo siciliano e si sviluppa lungo un articolato percorso narrativo, costruito su diversi capitoli e varie modalità di allestimento. Il percorso espositivo vede anche una sezione speciale dedicata a Leonardo Sciascia e un’altra, la “Bibliografia”, con una selezione dei libri di Scianna: dal primo, “Feste Religiose in Sicilia”, divenuto raro e prezioso nel tempo, fino alle ultimissime pubblicazioni.

La mostra, quindi – che è curata da Paola  Bergna,  Denis  Curti  e Alberto Bianda, art director della mostra, promossa e prodotta da Comune di Milano|Cultura, Palazzo Reale e Civita Mostre e Musei – si suddivide in diverse sezioni, per la precisione 8, e in sottosezioni che esplicano al meglio le occasioni in cui le opere sono state scattate: “LA MEMORIA, Bagheria –La Sicilia –Le feste religiose”, “IL RACCONTO, Lourdes -I bambini –Kami –Il dolore”, “OSSESSIONI, Il sonno –Le cose -L’ombra –Bestie –Gli specchi”, “IL VIAGGIO, America –Deambulazioni -I luoghi”, “RITRATTIRITI E MITI, Le cerimonie –Donne –Marpessa”, “LEONARDO SCIASCIA”, “BIBLIOGRAFIA”.

Proprio come se si trattasse di un autentico viaggio, la mostra su Ferdinando Scianna è arricchita da elementi che accompagnano il fruitore alla scoperta delle varie tappe del percorso, con alcuni dei libri dell’artista più importanti sfogliabili su monitor, e con una speciale audioguida, disponibile in italiano e in inglese ed inclusa nel biglietto di ingresso, in cui Ferdinando Scianna racconta in prima persona il suo modo di intendere la fotografia.

Un vero e proprio racconto parallelo, per conoscere da vicino il suo percorso artistico e umano. La mostra è infine corredata da un grande catalogo pubblicato da Marsilio Editori.

 

© Riproduzione Riservata