In occasione dell'anniversario della scomparsa di Alberto Moravia

Alberto Moravia, gli aforismi più noti

Alberto Moravia è ricordato da molti per le sue opere come scrittore, giornalista e drammaturgo italiano
Alberto Moravia, ecco gli aforismi più celebri del grande scrittore italiano

MILANO – ”Gli indifferenti” è stato il romanzo che l’ha portato al successo. Ma, Alberto Pincherle, meglio conosciuto come Alberto Moravia, è ricordato da molti per le sue opere come  scrittore, giornalista, saggista, reporter di viaggio e drammaturgo italiano. Oggi, per ricordare insieme a voi le sue parole più belle, abbiamo selezionato alcuni dei suoi aforismi. Buona condivisione.

‘Le amicizie non si scelgono a caso ma secondo le passioni che ci dominano.’

‘L’invidia è come una palla di gomma che più la spingi sotto e più torna a galla.’

‘Per una donna i corteggiatori sono come le collane e i braccialetti: ornamenti di cui, se può, preferisce di non disfarsi.’

‘C’è nei sogni, specialmente in quelli più generosi, una qualità impulsiva e compromettente che spesso travolge anche coloro che vorrebbero mantenerli confinati nel limbo innocuo della più inerte fantasia.’

‘Le grandi esperienze della vita sono quelle che non vorremmo fare mai.’

‘Sulle sabbie del deserto come sulle acque degli oceani non è possibile soggiornare, mettere radici, abitare, vivere stabilmente. Nel deserto come nell’oceano bisogna continuamente muoversi e cosi lasciare che il vento, il vero padrone di questa immensità, cancelli ogni traccia del nostro passaggio, renda di nuovo le distese, d’acqua o di sabbia, inviolate.’

‘Quando si agisce è segno che ci si aveva pensato prima: I’azione è come il verde di certe piante che spunta appena sopra la terra, ma provate a tirare e vedrete che radici profonde.’

‘Quando non si è sinceri bisogna fingere, a forza di fingere si finisce per credere; questo è il principio di ogni fede.’

‘Sai cosa si fa quando non se ne può più? Si cambia.’

26 settembre 2015

 

© Riproduzione Riservata