Lettera in poesia di Lorenzo Procino

Lettera in poesia di Lorenzo Procino

Non son certo un parolaio
ma uso ancora il calamaio
In queste righe puoi apprezzare
come è bello lasciarsi andare

Pur avendo assai premura
è imperfetta la scrittura
ma se ti impegni con il cuore
han più forza le tue parole

Mano e mente sono unite
da un etereo fluido incatenate
e se il cerchio vuoi quadrare
un magico strumento devi usare

La tua mano è completata
da una penna a te gradita
modellata con il legno
sa di bosco il tuo segno

Qualche volta, quando hai tempo
disegna, scrivi e sii contento
costa poco aver passione
e mantenere la tradizione

Lorenzo Procino

© Riproduzione Riservata
Commenti