Lettera di Laura Alexandra Bifaro

Lettera di Laura Alexandra Bifaro

Caro,

ti scrivo anche se ti sembrerà strano ricevere questa lettera e ancor di più ti sembrerà strano sentirti chiamare così.

È da tanto che desidero scriverti queste righe, non sai quante volte iniziavo a scriverle ma poi finivo sempre per stracciare tutto, non stupirti se lo faccio proprio ora, ma solo ora ho preso coscienza di quanto mi sei caro.

Sono passati tanti anni eppure sembriamo due puntini che aspettavano solo di unirsi, non sai quanto ti ho desiderato in questi anni, quanto ti ho pensato nonostante le nostre vite avessero preso strade diverse e poi finalmente ci siamo ritrovati, chi l’avrebbe mai detto.

Risentire la tua voce è stata una bellissima musica per le mie orecchie, camminare con te accanto, guardarti di nascosto mentre eri intento a guidare, poter memorizzare ogni tua espressione nella mia mente e poi quanto abbiamo riso, è stato come se questi anni non fossero mai passati, come se ci fossimo sempre osservati da lontano.

Sento ancora le tue mani che sfiorano le mie, i tuoi occhi che mi guardano stupita, il tuo imbarazzo ancora riesco a percepirlo e poi estraniarsi da tutta quella gente che ci guardava, mi sei venuto difronte, mi hai guardata negli occhi, hai stretto il mio viso tra le tue mani e poi finalmente quel bacio, il silenzio calò su di noi, eravamo solo noi in quella bellissima piazza baciata dalla luna.

Oggi non riusciamo a dare forma a tutto ciò, non sappiamo nulla, viviamo nella libertà più assoluta, ma siamo consapevoli, anche se troppo stupidi per dircelo che ci siamo l’uno x l’altra e forse lo siamo sempre stati senza nemmeno saperlo.

Il tempo che ti ho donato è stato il più prezioso e intenso in assoluto ed è per questo che non voglio perderti, ora che finalmente ci siamo ritrovati.
Mi manchi tantissimo e spero di riabbracciarti presto.

Con tanto affetto la tua stronzetta.

© Riproduzione Riservata
Commenti