Lettera di Giulia D’Avino

Lettera di Giulia D'Avino

“Cara” distanza,

ti odio. Lo sai che sono timida e difficilmente mi affeziono così tanto ad una persona. E tu cosa fai? Mi separi dall’unica persona che mi capisce. La mia unica vera amica, ci sono sempre per lei e lei per me. Quella che ogni volta che ho bisogno di ridere c’è sempre. Sempre. Anche lei ti odia, stupida distanza. Prima ci fai incontrare e poi ci separi?

Quando ascolto la musica, uso sempre una sola cuffia, sai perché? Perché ho sempre la speranza che a un certo punto arrivi lei e mi dice ” Hey, ti voglio bene, lo sai, fammi ascoltare questa canzone” per colpa tua mi sono chiusa in me stessa. non riesco a fare altre amicizie perché ho paura che, conoscendo qualcun altro dimentichi la mia migliore amica.

Io e lei siamo come sorelle. Ci conosciamo fin da piccole. A volte abbiamo litigato. ma non c’è vera amicizia se non c’è qualche litigio. Abbiamo già fatto i nostri piani della vita. Dopo le superiori io fermerò gli studi per un anno così anche lei finirà le superiori, siccome è di un anno più piccola di me, e dopo andremo in Inghilterra.

Abbiamo grandi sogni perché siamo grandi “sorelle”.
Lei sarà sempre la sorella minore che non ho mai avuto. Abbiamo superato tanti ostacoli insieme e siamo ancora qui a continuare a combattere e a sognare. Abbiamo fatto una promessa. Tu, maledetta distanza, non ci separerai mai.

Giulia, 4 anni, una ragazza che non sopporta te, la distanza.

© Riproduzione Riservata
Commenti