Lettera di Giovanna Caramagno alla nonna

Lettera di Giovanna Caramagno alla nonna

Ciao nonnina,

tu che mi sei sempre stata vicina,

non ti dimenticavi mai e poi mai di me,

a pasqua ti presentavi con il tuo gigante uovo di pasqua!

C’eri sempre, sempre, sempre con il tuo amore,

anche quando i miei genitori erano impegnati a curare mio fratello.

E ci sei stata sempre in tutti i miei momenti della vita.

C’eri sempre, sempre con il tuo amore

C’eri sempre ad ascoltarmi e ad accogliermi,

la tua casa il mio rifugio, quando tutto andava a rotoli…

Tu hai sempre custodito i miei segreti e i miei passi,

e mi hai sempre detto facci passaggio e vai avanti!

Tu che mi hai sempre accettata per quella che sono,

senza mai criticarmi o giudicarmi. Questi anni di silenzio,

per me sono stati davvero difficili! Ma abbiamo recuperato presto.

Fino all’ultima telefonata di pochi giorni fa,

ti ricordi il giorno che sono nata tu e il nonno

mi avete portato a casa dall’ospedale!

Fino all’ultimo abbraccio di questa estate, che anche

se ti tremavano le mani tu mi hai stretta così forte!!

C’eri sempre, sempre…. Ciao, duci, Giovanna, ti voglio bene assai!

Nonnina, come farò senza di te?

© Riproduzione Riservata
Commenti