Lettera di Flavia E. alla madre

Lettera di Flavia E. alla madre

Cara mamma,

Penso spesso a te, a noi. Penso a tutte le volte che mi hai detto “quando sarai madre capirai”, penso a quel viaggio che tanti anni fa abbiamo affrontato insieme in cerca di una vita migliore, penso ai prenzi e alle cene veloci perché dovevamo tornare al lavoro, penso a tutti i problemi affrontati insieme, quelli a cui hai sempre trovato una soluzione, penso ai pianti e alle risate che ci siamo fatte insieme, penso a tutte le volte che sei stata presente anche in silenzio.
Ora ci sono oceani che ci dividono e anche un paio di continenti e so che ci stai male, so che hai vissuto tutto questo come un abbandono, ma mamma, credimi, non lo è! Certo il caffè della domenica mattina è difficile da prendere insieme, certo non sono lì ad asciugarti le lacrime quando ne hai bisogno e non sono lì ad aiutarti a portare la spesa su per le scale di casa, ma tu dovresti capirmi!
Avevi ragione mamma, come sempre…ora ti capisco. E so che tu capisci me anche se non lo vuoi ammettere… vedi in me quello che sei stata tu e io vedo in te il mio futuro!
Spero, un giorno, mia figlia possa dire le stesse cose di me.
In ogni caso, mamma, penso che mi manchi.

Tua figlia.

© Riproduzione Riservata
Commenti