Sei qui: Home » Arte » Weekend 20-21 novembre, le mostre d’arte da non perdere
Cosa fare

Weekend 20-21 novembre, le mostre d’arte da non perdere

Vi proponiamo 5 mostre da visitare assolutamente durante il fine settimana del 20-21 novembre

Finalmente è arrivato il fine settimana: per due giorni all’insegna dell’arte, vi consigliamo 5 mostre da vedere assolutamente nel weekend del 20-21 novembre per passare 48 ore all’insegna della cultura. Ecco le nostre proposte.

5 mostre da vedere questo weekend

Keith Haring – Pisa

TRa le mostre da vedere c’è “Keith Haring”, a Palazzo Blu di Pisa, dal 12 novembre 2021 al 17 aprile 2022, realizzata dalla Fondazione Pisa in collaborazione con MondoMostre e con la straordinaria partecipazione della Nakamura Keith Haring Collection, a cura di Kaoru Yanase, Chief Curator della Nakamura Keith Haring Collection, rende omaggio all’artista statunitense, universalmente riconosciuto tra i padri della street-art, che proprio a Pisa ha soggiornato nel 1989, per dipingere su una parete del convento di S. Antonio, il celeberrimo murale ‘Tuttomondo”. L’esposizione ripercorre l’intera carriera artistica di Haring e l’ampia gamma di tecniche espressive da lui indagate – pittura, disegno, scultura, video, murales, arte pubblica e commerciale 

ANDY WARHOL Super Pop Through the lens of Fred W. MCDARRAH – Torino

La mostra evento che offre uno sguardo intimo e curioso su uno degli artisti simbolo del XX secolo. Per conoscere genio, creatività ed innovazione del padre della Pop Art. Per comprendere il suo mondo, la sua essenza di uomo e la sua opera, capace di influenzare l’arte ed il pensiero della società contemporanea. L’esposizione, attraverso un’appropriata contestualizzazione storica, presenta la vita e la ricca produzione artistica di Andy Warhol, a partire dai primi esplosivi anni ‘50 e ‘60, fino agli anni ‘70 nella Grande Mela. Warhol ha saputo trasformare con la sua visione innovativa la concezione stessa del fare e del consumare arte, divenendo una vera icona del mondo contemporaneo.

L’arte e la città/Art and the city – Prato

Una mostra a cura di Stefano Pezzato che mette in dialogo un’ampia selezione di opere dalle collezioni museali con rari materiali d’archivio. Concepita come espressione diretta della città di Prato, dove il Centro Pecci è stato fondato e ha la propria sede, ma anche come riflesso di un contesto metropolitano in costante rinnovamento ed estensione, l’area tra Firenze, Prato e Pistoia dove il Centro Pecci è inserito e opera, questa nuova mostra presenta una panoramica inesplorata dei rapporti fra arte contemporanea e ambiente urbano.

5 mostre da vedere nel weekend del 13-14 novembre

5 mostre da vedere nel weekend del 13-14 novembre

Vi proponiamo 5 mostre da vedere nel fine settimana del 13-14 novembre nelle città d’Italia

 

Banksy – Andy Warhol –  Catania

TRa le mostre da visitare quella Banksy – Andy Warhol , curata da Sabina de Gregori e Giuseppe Stagnitta al Palazzo della Cultura di Catania dal 20 Novembre 2021 al 2 Giugno 2022 e promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Catania, documenta il percorso innovativo e rivoluzionario di due grandi artisti che hanno cambiato il modo di vivere l’arte degli ultimi 50 anni: Warhol e Banksy. Un confronto tra due artisti e due personalità apparentemente distanti: il favoloso mondo di Andy Warhol, famoso e onnipresente, l’artista più fotografato al mondo, contro l’anonimo Banksy che non ha mai posato per una foto e che rischia l’arresto da Disneyland alla Palestina, rendendo la sua arte un evento mediatico mondiale.

Antonietta Raphaël. Attraverso lo specchio – Roma

La figura di Antonietta Raphaël (Kaunas 1895 – Roma 1975), l’artista di origini lituane esponente di spicco della Scuola romana, viene raccontata attraverso dipinti, sculture e opere su carta, accompagnati da documenti, fotografie di famiglia, lettere e pagine dei suoi diari. Completa l’esposizione una selezione di opere di Mario Mafai – compagno di una vita – unitamente a un video documentario inedito realizzato per la mostra. Attraverso lo specchio allude all’attitudine di Raphaël a trasformare la pratica artistica in uno strumento di indagine sul proprio mondo interiore, ed evoca dimensioni oniriche e immaginifiche in cui la figura femminile è protagonista.

© Riproduzione Riservata