Sei qui: Home » Arte » “Passare le Alpi”, la mostra itinerante che celebra la natura
Mostre da non perdere

“Passare le Alpi”, la mostra itinerante che celebra la natura

"Passare le Alpi" è la mostra itinerante che racconta di superare confini, di esplorazioni, valichi e contrabbandieri.

Passare le Alpi” è una mostra itinerante che sarà visitabile dal prossimo 30 luglio fino al 28 agosto. Un percorso unico nel suo genere, che si snoda tra Val d’Ossola e Canton Vallese e che sarà inaugurato sabato 30 luglio alle ore 11 a Formazza (VB) – Dorf Platz, centro della frazione Ponte -, e alle ore 17 a Macugnaga (VB) – dalla piazza del municipio alla frazione Dorf -. Andiamo a scoprire di più sulla mostra, sul percorso e sugli artisti al centro dell’esposizione. 

“Passare le Alpi”, il concetto di confine

Le Alpi sono la catena montuosa più importante d’Europa, disegnano i confini di Italia, Svizzera, Francia, Liechtenstein, Germania, Austria, Slovenia. Da sempre sono attraversate, scalate, sorvolate ed esplorate, punto di passaggio per persone, idee, merci e tradizioni.

Oggi l’idea di confine è sempre più legata a quella di barriera, di limite (dalla parola latina limes: se ci si pensa, il limes per eccellenza era quello tra mondo romano e quello germanico dei “barbari”). I confini, invece, da cum + finis, letteralmente il luogo dove si finisce insieme, si trasformano e ci trasformano, sono fatti per essere percorsi, superati, violati, accolti. Diventano frontiera, spazio fondamentale dove si incontra l’altro, varco che crea apertura, collegamento, passaggio.

È da questa idea che prende il via la mostra itinerante “Passare le Alpi”, visitabile da sabato 30 luglio a domenica 28 agosto nei centri storici di Macugnaga (VB), ai piedi del Monte Rosa, e della frazione Ponte di Formazza, nell’omonima valle, estrema punta settentrionale del Piemonte che si incunea in Svizzera. Un percorso costruito completamente all’aperto, grazie alle riproduzioni delle opere su grandi pannelli esposti nei borghi coinvolti, e dedicato alle alte vie di comunicazione, ai passi alpini, ai mezzi di trasporto e ai viaggiatori tra Val d’Ossola e Canton Vallese.

Gli artisti in mostra e il percorso

Sono 28 gli illustratori e artisti coinvolti in “Passare le Alpi”: Bahar Avanoglu, Sara Bernardi, Davide Bonazzi, Matteo Capobianco – Ufo5, Nicolò Canova, Maya Christensen, Chiara Dattola, Enrico De Paris, Lorenzo Duina, Caterina Ferrante, Elisabeth Fux, Silvia Fux, Giulia Gentilcore, Caterina Gomirato, Bernd Kniel, Andrea Legnaioli, Irene Lupia, Elisa Macellari, Paolo Metaldi, Pinaki, Ale Puro, Chiara Raineri, Luca Soncini, Alena T, Daniela Tieni, Ilaria Urbinati, Elisa Vendramin, Helga Zumstein.

Molteplici e diversi i temi su cui hanno lavorato: paesaggi dei valichi tra Ossola e Vallese, ferrovia Vigezzina, traforo del Sempione, Geo Chavez e la prima trasvolata delle Alpi, someggiatura (il trasporto di merci con muli e bestie da soma), diligenze a cavallo e postale sul Sempione, emigrazione vigezzina e spazzacamini, contrabbandieri.

In occasione di “Passare le Alpi”, in parallelo e in dialogo con le opere contemporanee, Enrico Rizzi, storico delle Alpi, ha selezionato una serie di stampe ottocentesche di età romantica che riflettono sugli stessi temi. Esposti lavori di Bartlett, Blechen, Gozzi, Guérard, Hering, Jentsch, Koch, Koller, Lory Fils, Ruskin.

“Passare le Alpi” nasce all’interno del progetto Interreg Italia-Svizzera “Di-Se – DiSegnare il territorio”, 3 anni all’insegna del disegno e dell’arte a cura di Associazione Musei d’Ossola, Museumzentrum La Caverna di Naters e Associazione Asilo Bianco. Le attività del terzo anno di “Di-Se” sono dedicate al muoversi in montagna.

Il catalogo di “Passare le Alpi”, il terzo della serie dopo “Herbarium Vagans” e “Difendersi dall’alto”, raccoglie tutte le opere e le accompagna con testi dedicati ai temi narrati per immagini dagli artisti. Sarà in libera distribuzione nei Comuni coinvolti.

Le tappe autunnali e invernali

La mostra “Passare le Alpi”, come vuole la sua natura itinerante, arriverà a settembre a Omegna, città di Gianni Rodari sul lago d’Orta, e in inverno a Naters, in Canton Vallese, Svizzera. Molte delle opere originali fanno già parte del ricco catalogo dell’Artoteca Di-Se, spazio nato per promuovere il prestito domestico di opere d’arte originali.

© Riproduzione Riservata