Mostre da non perdere

“Affreschi urbani”, la spettacolare mostra di Banksy in un borgo toscano

La mostra che mette insieme il genio di Banksy e l'artista Piero della Francesca nella la splendida cornice di San Sepolcro
mostra-banksy

Il Museo Civico di Sansepolcro presenta la mostra AFFRESCHI URBANI. PIERO incontra un artista chiamato BANKSY, a cura di Gianluca Marziani e Stefano S. Antonelli.

Banksy, l’artista misterioso

Originario di Bristol, nato intorno al 1974, Banksy rappresenta il più grande artista globale del nuovo millennio, esemplare caso di enorme popolarità per un autore vivente dai tempi di Andy Warhol. Banksy incarna la miglior evoluzione della Pop Art originaria, il primo ad aver connesso le radici del pop, la cultura hip hop, il graffitismo anni Ottanta e i nuovi approcci del tempo digitale. A parlare, al posto di colui che nessuno ha mai visto, sono le sue opere. Immagini e forme di inaudita potenza etica, evocativa e tematica.

Piero della Francesca incontra Banksy

La mostra “Affreschi Urbani. Piero incontra un artista chiamato Banksy” riapre, dopo l’emergenza covid19, gli spazi espositivi del museo civico cittadino. Un luogo che, sin dalla sua fondazione, celebra Piero della Francesca, genio indiscusso del Rinascimento italiano. Emblema e simbolo della città, affrescato intorno al 1460 nella sala dei Conservatori del Palazzo della Residenza, è stata definita dallo scrittore inglese Aldous Huxley “la più bella pittura del mondo”.

Il percorso

A Sansepolcro, dal 20 giugno 2020 al 10 gennaio 2021, saranno in mostra una selezione di oltre venti serigrafie, quelle che Banksy considera tracce fondamentali per diffondere i suoi messaggi etici. Le opere riprodotte hanno avuto genealogie e percorsi eterogenei, diventando talvolta veri e propri “affreschi urbani”, spesso rimossi rubati o consumati dal tempo. Sono queste le immagini che hanno decretato il successo planetario di un artista tra i più complessi, geniali e intuitivi del nostro secolo.

Le opere in mostra

Tra le opere in mostra ci sarà l’iconica “Girl with Balloon”, serigrafia su carta del 2004-05, votata nel 2017, come l’opera più amata dai britannici. Ci sarà poi “Love is in the Air”, un lavoro su carta che riproduce su fondo rosso lo stencil apparso per la prima volta nel 2003 a Gerusalemme. Altra opera fondamentale, con tutti i suoi rimandi all’iconografia del Rinascimento, è la “Virgin Mary”, conosciuta anche come Toxic Mary. 

© Riproduzione Riservata
Commenti