la stagione artistica autunnale

Le mostre da non perdere a novembre

Grandi nomi e retrospettive interessanti che ci terranno compagnia fino alla primavera 2017 e oltre. Vediamo le principali esposizione dei grandi centri urbani italiani
Umberto Boccioni, energia e movimento nell’arte

 

MILANO – A novembre si inaugurano molte mostre, grandi nomi e retrospettive interessanti che ci terranno compagnia fino a primavera 2017 e oltre. Vediamo le principali esposizioni dei grandi centri urbani italiani.

LE MOSTRE:

 .
A Treviso dal 29 Ottobre 2016 al 17 Aprile 2017 il Museo di Santa Caterina ospiterà L’immagine femminile, da Tiziano a Rembrandt. La mostra propone opere uniche e imperdibili, provenienti dalla Scottish National Gallery di Edimburgo: Tiziano, Rembrandt e Rubens insieme, con tre opere che illustrano allo spettatore la femminilità dell’epoca. Tre le opere imperdibili: la  “La Venere Anadiomene” di Tiziano – nota anche come “La Venere che sorge dal mare”, dedicata al mito della nascita della dea della bellezza – “Banchetto di Erode” – con una straordinaria Salomè dipinta da Pieter Paul Rubens – e la misteriosa “Giovane donna a letto”, di Rembrandt.
.
Storie dell’Impressionismo inaugura il 29 ottobre 2016 e resterà aperta al 17 aprile 2017 a Treviso, al Museo di Santa Caterina. Un percorso alla scoperta della nascita del movimento e tutti i suoi sviluppi. 120 opere, tutti i grandi nomi e con lavori fondamentali: da Manet a Degas, da Monet a Renoir, da Pissarro a Sisley, da Seurat a Signac, da Fantin Latour a Toulouse-Lautrec, da Van Gogh a Gauguin.
.
Con “Senza confini”, le foto di Steve McCurry arrivano al Pan di Napoli. La mostra dedicata al fotografo americano sarà visitabile ogni giorno fino al prossimo 12 febbraio, tranne il martedì, il giorno di chiusura del museo partenopeo. La nuova rassegna allestita nel Palazzo delle Arti di Napoli, oltre a presentare il nucleo essenziale delle sue fotografie più famose insieme ad alcuni lavori più recenti e ad altre foto non ancora pubblicate nei suoi numerosi libri.
.
A Palazzo della Ragione Fotografia di Milano dal 1 novembre fino 30 Aprile 2017 arriva la mostra James Nachtwey. 30 anni di fotogiornalismo. Considerato universalmente l’erede di Robert Capa per la sua capacità di cogliere momenti tragici a una distanza ravvicinata, e con una tecnica e precisione sconvolgente, James Nachtwey è un testimone di eccezione. Raccolte oltre 200 immagini dai suoi celebri reportage in una produzione nuova e con un montaggio innovativo.
.
Nella ricorrenza del primo centenario della morte di Umberto Boccioni (1882-1916), il Mart di Rovereto celebra l’artista con una mostra che evidenzia, alla luce anche di documenti inediti, il percorso artistico e la levatura internazionale. “Umberto Boccioni. Genio e Memoria” propone una rassegna che omaggia l’artista futurista con le tappe più importanti del suo percorso artistico. Dal 5 novembre 2016 al 19 febbraio 2017.
.
Palazzo Magnani popone dal 5 novembre 2016 al 14 febbraio 2017 una ampia e raffinata indagine sul Liberty in Italia. Sette sezioni che vedono riunite quasi 300 opere: dipinti, sculture, illustrazioni, progetti architettonici, manifesti, ceramiche, incisioni. Tra i nomi presenti: Spadini, Previati, Bragellini, Cellini.
Selezionatissimi i prestiti provenienti dai più importanti Musei italiani e da straordinarie Collezioni private, e molti dei quali, oggetto di recenti studi, vengono presentati al grande pubblico per la prima volta.
..
La mostra Bellezza e Eros, presso il Museo galleria La Vite di Catania, mostra la diversità dei concetti che vengono espressi in merito alla tematica. I nomi vanno da Goya a Picasso a Grosz, Guttuso, Bellmer, Bodini, Lazzaro, Loosli, Masci, Messina, Ziveri, Vespignani, Vacchi, Colagrossi, Santacroce, Levi, Greco, Guccione, Calabria, Pissarro, Besnard, Manzù, Magni e altri per circa 200 opere in totale. Dal 4 novembre 2016 al 15 gennaio 2017.
.
Il 30 novembre 2016 inaugura la mostra su Artemisia Gentileschi che rimarrà aperta poi fino all’8 maggio 2017. Con circa 90 opere provenienti da tutto il mondo, a impreziosire il Museo di Roma a Palazzo Braschi giunge la grande mostra Artemisia Gentileschi, un percorso che svela gli aspetti più autentici dell’artista, attraversando un arco temporale che va dal 1610 al 1652.
.
 
 Cover: Artemisia Gentileschi, Ester e Assuero, 1628-1635. Olio su tela, cm 208×273. Metropolitan Museum of Art, New York

 

© Riproduzione Riservata
Commenti