Opere d'arte con mascherina

Le opere d’arte con la mascherina scendono in campo contro il Coronavirus

Da La Gioconda a Van Gogh, opere d'arte con mascherina e artisti con addosso i dispositivi di protezione vengono rivisitati per sensibilizzare contro la pandemia
Le opere d'arte con la mascherina scendono in campo contro il Coronavirus

Opere d’arte con mascherina scendono in campo per sensibilizzare in merito all’uso dei dispositivi di sicurezza e invitano a rimanere in casa per sconfiggere la pandemia di Coronavirus. La situazione storica attuale ha ispirato artisti da tutto il mondo, chiamati a reinterpretare i grandi classici dell’arte di Leonardo, Van Gogh, Munch e tanti altri per un fine nobile.

Opere d’arte con mascherina e guanti

Su Facebook e su Instagram sono diversi gli artisti che hanno dato vita a questa campagna spontanea, reinterpretando le più famose opere d’arte con mascherina e guanti. Un atto di sensibilizzazione volto a rendere omaggio anche all’operato di infermieri e medici ed al tempo stesso richiamare tutti alla responsabilità sociale. Tra i soggetti reinterpretati per l’occasione, vere e proprie icone artistiche ed opere d’arte. I personaggi raffigurati sono dotati di mascherina e di guanti, i principali dispositivi di protezione nella lotta al Covid-19. Alcuni esempi? La Monna Lisa ribattezzata “Corona Lisa” dall’artista Isaac Pelayo.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Isaac Pelayo (@isaacpelayo) in data:

Vincent Van Gogh #iorestoacasa

Anche Van Gogh e Monet restano a casa

Non solo opere d’arte con mascherina, ma anche artisti indossano i principali strumenti di protezione. Menzione speciale per l’illustratore Gianluca Biscalchin. Celebre soprattutto per le sue creazioni legate al mondo culinario, in questi ultimi tempi l’artista ha pubblicato sul suo profilo Instagram illustrazioni di artisti internazionali di ogni epoca. La cosa particolare è che essi invitano in maniera simpatica a seguire il loro esempio e restare a casa, indossando la mascherina di protezione. Così Claude Monet rimane a Giverny, Velazquez resta a corte, mentre Vincent Van Gogh resta in…manicomio

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Mini campagna di sensibilizzazione veramente molto colta… restate a casa, cazzo! Ve lo chiedono anche gli artisti. #iorestoacasa #iostoacasa #coronavirus #milano #illustration #artistofinstagram #artist #art #vangogh

Un post condiviso da Cibology (@gianlucabiscalchin) in data:

 

© Riproduzione Riservata
Commenti