i nostri consigli

Le mostre per il week-end del 17 e 18 settembre

Eccovi alcuni consigli per trascorrere bene sabato e domenica fra arte, fotografia e street art.

MILANO – Eccovi alcuni consigli per trascorrere bene sabato e domenica fra arte, molto pop, e fotografia.  I nostri suggerimenti per partire alla scoperta delle meravigliose mostre in programma in Italia.

.

Le mostre da non perdere a settembre

.

Fino al 9 ottobre il Mart di Rovereto dedica al Divisionismo e al Futurismo la mostra dal titolo “I pittori della luce. Dal Divisionismo al Futurismo”. La mostra vanta 80 capolavori che rappresentano descrivono le origini e lo sviluppo del Divisionismo fino alla comparsa del Futurismo. Il percorso espositivo è un viaggio alla scoperta degli artisti che hanno scomposto il colore e sperimentato tutte le possibilità alla ricerca della luce. Questi artisti sono Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Vittore Grubicy de Dragon, Giuseppe Pelizza da Volpedo, per citarne solo alcuni.

Il genio olandese “pop” che con le sue visioni ha incantato la fantasia di grafici, le menti di scienziati e influito su altri artisti, approda finalmente a Milano, fino al 22 gennaio 2017 a Palazzo Reale. La mostra prende il via dalla radice liberty della cultura figurativa di Escher, attraversa il suo amore per l’Italia e giunge alla scoperta delle forme geometriche lungo un percorso di oltre 200 opere. La maturità artistica di Escher emerge nei temi della tassellatura e degli “oggetti impossibili”, riflesso del suo rapporto con le Avanguardie storiche. A Milano sono esposti tutti i capolavori più celebri, come Mano con sfera riflettente, Relatività (o Casa di scale), Metamorfosi e Belvedere.

Il museo MADRE di Napoli presenta “Attesa. 1960-2016”, la più ampia mostra retrospettiva mai dedicata alla ricerca artistica di Mimmo Jodice (Napoli, 1934), uno degli indiscussi maestri della fotografia contemporanea. La mostra presenterà, in un percorso appositamente concepito per gli spazi del museo, più di cento opere, dalle seminali sperimentazioni sul linguaggio fotografico degli anni Sessanta e Settanta fino ad una nuova serie (Attese, 2015) realizzata in occasione di questo progetto retrospettivo. Le immagini di stagioni che vanno dagli anni Sessanta ad oggi omaggiano il celebre artista. Fino al 24 ottobre.

Le Ninfee nelle Villa dei Capolavori con le serie Falaise e Ninfee, a cui Claude Monet dedicò gli anni della maturità artistica, al centro della retrospettiva che dal 3 settembre all’11 dicembre sarà ospitata alla Fondazione Magnani Rocca di Mamiano di Traversetolo di Parma grazie a prestiti italiani e internazionali.

 “Warhol. L’eterno amore. John Fitzgerald Kennedy e Marilyn Monroe visti da Andy Warhol”  è visitabile ad Amalfi fino al 25 settembre 2016 La mostra, attraverso un corpus di straordinarie serigrafie, alcune delle quali mai viste prima in Italia, racconta il lungo e travagliato rapporto che legò il presidente americano e la star hollywoodiana per eccellenza.

 

© Riproduzione Riservata
Commenti