The Secrets of the Mona Lisa

L’altra Gioconda, la donna sotto la Monna Lisa

Questa l'ultima ipotesi avanzata dallo scienziato francese Pascal Cotte
L'altra Gioconda, la donna sotto la Monna Lisa.

MILANO – E’ il quadro che ha stregato mezzo mondo. A lui sono ispirati libri, canzoni e film, anzi dovremmo dire a lei, perché il merito va tutto alla Monna Lisa e il suo enigmatico sorriso. Il capolavoro di Leonardo Da Vinci suggerirebbe altri misteri, oltre l’identità, il paesaggio, l’estetica: ci sarebbe bensì la sagoma di un’altra (forse due) Monna Lisa, con un pendente a perla e spilli nell’acconciatura dei capelli.

THE SECRETS OF MONNA LISA – L’ipotesi è stata formulata dallo scienziato francese Pascal Cotte. Il co-fondatore della società di ingegneria elettronica Lumiere Technology di Parigi, nel 2004 ha eseguito una serie di analisi non invasive attraverso una nuova tecnica chiamata Layer Amplification Method (Lam). Il lavoro potrà essere ammirato grazie al documentario della Bbc The Secrets of the Mona Lisa che testimonia oltre dieci anni di ricerche.

DIETRO AL SORRISO – Dietro al misterioso sorriso di Monna Lisa ci potrebbe essere di più. Realizzata nel 1503 presenta tre diverse stesure nascoste nel disegno della gentildonna, che presenta numerose varianti, dai lineamenti al suo stile.

LA GIOCONDA – La donna ritratta da Leonardo Da Vinci per tutti è oramai Monna Lisa Gherardini, moglie di Francesco del Giocondo. Il pittore toscano avrebbe iniziato a dipingere il quadro a Firenze portandoselo poi in Francia. La tesi supportata dal Vasari non è l’unica, per altri dietro le aggraziate vesti femminili ci sarebbe un allievo-amante di Leonardo che per lui indossava vestiti da donna. Per altri ancora si tratterebbe di un lavoro commissionato da Giuliano de Medici per immortalare l’amata morta, la nobildonna Pacifica Brandani.

 

LA RISPOSTA DEL LOUVRE – Parigi non si scandalizza, almeno per ora. Il Museo che ospita la lady più famosa di Da Vinci, il Louvre, al momento non ha commentato i risultati degli studi di Cotte.

 

© Riproduzione Riservata
Commenti