Sei qui: Home » Arte » La collezione del Museo del Louvre disponibile online gratis
Il progetto

La collezione del Museo del Louvre disponibile online gratis

Il museo del Louvre mette online l’intera collezione con quasi 500 mila opere consultabili attraverso il suo sito.

Da qualche settimana è disponibile online per la consultazione virtuale l’intera collezione del museo parigino. Il Louvre ha reso disponibile all’interno del suo nuovo sito la famosa collezione che custodisce. Quasi 500 mila opere sono ora consultabili al link collections.louvre.fr. il database ospita inoltre le opere del Musée National Eugène-Delacroix, le sculture dei giardini delle Tuileries e del Carrousel e le opere recuperate dopo la Seconda Guerra Mondiale.

 

Il progetto del Louvre

Progettato sia per i ricercatori sia per gli appassionati dell’arte, il sito sarà aggiornato regolarmente dagli esperti del museo. Il progetto offre diversi modi per conoscere e approfondire le collezioni, ricerche semplici o più avanzate, voci suddivise per dipartimento curatoriale e album a tema. Una mappa interattiva guida il pubblico a preparare la visita. I tour virtuali consentono di esplorare il museo sala per sala e tutte le informazioni sono disponibili nelle lingue francese, inglese, spagnolo e cinese.

Il commento del curatore

Oggi, il Louvre sta rispolverando i suoi tesori, anche i meno conosciuti”, ha affermato il direttore Jean-Luc Martinez. Inizialmente solo 30 mila oggetti della collezione pubblicata, erano disponibili sul vecchio sito, che tra l’altro è stato visitato 21 milioni di volte solo nel 2020. “Per la prima volta chiunque può accedere gratuitamente all’intera collezione di opere da computer o smartphone, siano esse in mostra al museo, in prestito, anche a lungo termine, o in deposito. Lo straordinario patrimonio culturale del Louvre è ora tutto a portata di clic! Sono certo che questo contenuto digitale ispirerà ulteriormente le persone a venire al Louvre per scoprire di persona le collezioni”. Il museo, oltretutto, si è messo all’opera per stabilire la provenienza di alcuni dei manufatti custoditi, frutto di saccheggi nazisti e coloniali. Queste opere sono raggruppate nelle due gallerie dei “Musées Nationaux Récupération”.

 

 

© Riproduzione Riservata