Sei qui: Home » Arte » Il “Ritratto di signora” di Klimt torna in mostra a Piacenza
La mostra

Il “Ritratto di signora” di Klimt torna in mostra a Piacenza

In mostra alla Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza il quadro rubato nel 1997 e ritrovato due anni fa di Klimt.

Torna finalmente in mostra il capolavoro di Gustav Klimt “Ritratto di signora” a due anni dal ritrovamento e quasi venticinque dalla sua scomparsa. L’opera sarà esposta alla Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza nuovamente visitabile con il nuovo decreto che permette la riapertura dei luoghi dell’arte in zona gialla.

La storia del “Ritratto di signora”

“Ritratto di signora” è un quadro realizzato dal grande pittore austriaco Gustav Klimt tra il 1916 e il 1917. Nel 1996 una studentessa coglie la somiglianza tra questo dipinto e un’altra immagine klimtiana di qualche anno precedente, ritenuta persa, riprodotta in un volume dei Classici dell’Arte Rizzoli. Rispetto all’opera del 1912, in quella esposta alla Galleria Ricci Oddi mancano il voluminoso cappello a larghe tese e la vaporosa sciarpa. Dopo diversi esami si scopre che sotto l’immagine klimtiana del “Ritratto di signora” dorme il perduto “Ritratto di ragazza”.

Il furto e il ritrovamento

Il “Ritratto di signora” fu sottratto dalla pinacoteca piacentina nel 1997, un anno dopo l’eclatante scoperta. È stato ritrovato in circostante misteriose, “murato” e nascosto sempre all’interno (appena fuori, per l’esattezza) della medesima Galleria nel 2019. Durante di ripulitura di un’edera che copriva una parete esterna della Galleria, è stata scoperta un’intercapedine chiusa da uno sportello, all’interno della quale c’era un sacco, con dentro il quadro. Uno dei misteri mai chiariti è se il quadro fosse stato fatto uscire dal tetto, come ha sempre lasciato intendere il ritrovamento della cornice vicino a un lucernario, o se dall’ingresso principale. Dopo il ritrovamento del 2019, le indagini hanno cercato soprattutto di chiarire l’autenticità del dipinto, oltre a evidenziare i responsabili del furto.

Le 5 opere più famose di Gustav Klimt
Dalla Giuditta alla Vergine

Le 5 opere più famose di Gustav Klimt

 

Il commento del sindaco

“E’ un segnale molto importante per la nostra cultura – ha affermato il sindaco Patrizia Barbieri – e oggi abbiamo visto con grande piacere che c’erano già persone in attesa di entrare, è la dimostrazione che c’è la voglia di apprezzare il nostro territorio e le nostre bellezze, speriamo che ci sia la ripartenza che vogliamo. Abbiamo progetti per il rilancio della Galleria che stiamo portando avanti, abbiamo provveduto con gli interventi di condizionamento dei locali, oltre alla possibilità di studiare un impianto di illuminazione ad hoc per valorizzare meglio le opere e la loro bellezza. Questo è un grande patrimonio, vogliamo organizzare iniziative collaterali insieme al circuito museale di Palazzo Farnese per far conoscere soprattutto all’esterno la cultura di Piacenza”.

 

 

© Riproduzione Riservata