Sei qui: Home » Arte » Dalle acque del lago Valvestino emergono le rovine dell’antica frontiera
Bellezze da salvare

Dalle acque del lago Valvestino emergono le rovine dell’antica frontiera

Il lago di Valvestino ha tutto il fascino di un fiordo norvegese e custodisce sotto la sua superficie le rovine di una vecchia dogana

Nel cuore della riserva naturale occidentale dell’Alto Garda Bresciano, sorge il lago di Valvestino, un bacino artificiale a ben 124 metri di altezza. Circondato da ripide scogliere, il lago di Valvestino ha tutto il fascino di un fiordo norvegese e sotto la sua superficie custodisce le antiche rovine della dogana. Quando il livello delle acque si abbassa, ecco che emergono dal fondo del lago le rovine, catturando l’attenzione di passanti e motociclisti. Ma quanto è accaduto negli ultimi giorni è davvero spettacolare: il livello del lago si è abbassato a tal punto da restituire l’edificio diroccato in tutto il suo fascino.

La dogana risalente all’Impero d’Austria

Un tempo parte dell’Impero d’Austria, la Valvestino è stata a lungo un luogo di frontiera, dove si incrociavano sentieri e mulattiere, costituendo una passaggio obbligato per migliaia di viandanti. La dogana controllava dunque il traffico di merci e uomini fra l’area austriaca e quella italiana. 

© Riproduzione Riservata