Artemisia Gentileschi, ultimi giorni ed orari speciali per visitare la mostra a Roma

Grande successo di pubblico. Visto il grande successo, per l’ultimo fine settimana di apertura, venerdì 5 e sabato 6 maggio, l’ingresso sarà consentito fino alle ore 23.00
Artemisia Gentileschi, ultimi giorni ed orari speciali per visitare la mostra a Roma

MILANO – Mancano pochi giorni alla chiusura della mostra Artemisia Gentileschi e il suo tempo, che continua a registrare uno straordinario successo di pubblico, con 120 mila visitatori dalla sua inaugurazione. Visto il grande successo, per l’ultimo fine settimana di apertura, venerdì 5 e sabato 6 maggio, l’ingresso sarà consentito fino alle ore 23.00 (ultimo ingresso ore 22.00). Inoltre, il 5 maggio alle ore 17, nelle sale della mostra il pubblico avrà anche l’occasione di partecipare all’Intervista impossibile ad Artemisia, evento organizzato in collaborazione con Radio Vaticana.

LEGGI ANCHE: Artemisia Gentileschi e il riscatto della donna nell’arte

COINVOLGIMENTO EMOTIVO – I temi crudi, i colori abbaglianti e i controversi personaggi delle opere della Gentileschi hanno saputo creare un coinvolgimento emotivo negli spettatori che – fin dai primi giorni di mostra – hanno subito il forte fascino di una delle più grandi pittrici della storia. Una larga partecipazione da parte del vasto pubblico che ha potuto con l’occasione riscoprire anche le meravigliose sale del piano nobile di Palazzo Braschi riaperte appositamente per ospitare la ricchissima retrospettiva.

LEGGI ANCHE: Artemisia Gentileschi e Francesco Maria Maringhi, storia di un amore passionale e sensuale

VITA ED OPERE DELL’ARTISTA – La mostra, allestita al Museo di Roma a Palazzo Braschi, consente al visitatore di ripercorrere l’intero arco temporale della vicenda artistica di Artemisia Gentileschi e conoscere la vita e le opere dell’artista a confronto con quelle dei colleghi: circa 100 sono in totale le opere in mostra, provenienti da ogni parte del mondo, da prestigiose collezioni private come dai più importanti musei in un confronto serrato tra l’artista e i colleghi frequentati a Roma, a Firenze, ancora a Roma e infine a Napoli. Con quel passaggio veneziano ancora molto da indagare, così come la breve e intensa parentesi londinese.

© Riproduzione Riservata