Sei qui: Home » Arte » Antoni Gaudí, il genio che si ispirò alla natura per rivoluzionare l’architettura
Ricorrenze importanti

Antoni Gaudí, il genio che si ispirò alla natura per rivoluzionare l’architettura

ll 10 giugno del 1926 si spegneva Antoni Gaudí, l’architetto catalano che tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento rivoluzionò con i suoi progetti il modo di intendere l’architettura

MILANO – Il 10 giugno del 1926 si spegneva Antoni Gaudí, l’architetto catalano che tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento rivoluzionò  con i suoi progetti il modo di fare e intendere l’architettura. Ispirate alla natura, le sue creazioni sono caratterizzate da un utilizzo innovativo degli spazi e da una peculiarità decorativa che costituiscono uno stile unico e facilmente identificativo.

L’ARCHITETTO DI DIO – I suoi progetti più celebri sono infatti caratterizzati dal movimento plastico e ondulato delle forme, dall’accentuato cromatismo conferito dall’utilizzo dei rivestimenti in ceramica pittata e dall’utilizzo di elementi in ferro battuto per le decorazioni.  Considerato come il maggior esponente del modernismo catalano, Gaudí prese ispirazione per i suoi progetti dalla struttura geometrica delle piante e delle rocce. Da questa sua analisi derivò le sue linee strane e irrazionali: le opere della sua maturità artistica – da considerarsi compresa tra il 1890 e il 1914 – sorpresero per le soluzioni bizzarre e i colori vivaci; rendendo il suo stile immortale e inconfondibile.

LA MORTE – Il 7 giugno del 1926 fu investito da un tram (singolare il fatto che si trattasse del primo tram messo in circolazione nella città). I primi soccorritori lo credettero un povero vagabondo e lo trasportarono all’ospedale della Santa Croce, un ospizio per i mendicanti. Fu riconosciuto soltanto il giorno successivo dal cappellano della Sagrada Família: morì il 10 giugno. Nonostante questa fine miserabile, al suo funerale parteciparono migliaia di persone. I barcellonesi lo soprannominarono ‘l’architetto di Dio’. È il suo corpo è sepolto nella cripta della suo opera più ambiziosa, la Sagrada Família.

 

LEGGI ANCHE: Anton Gaudì, le opere principali dell'”architetto di Dio”

 

Credit copertina:  Anton Gaudì – Capricccio

Francisco83pv (Wikipedia)

 

© Riproduzione Riservata