Sei qui: Home » Arte » 5 mostre da visitare nel primo weekend di Dicembre
Cosa fare

5 mostre da visitare nel primo weekend di Dicembre

Si è aperto il mese di dicembre ed ecco subito arrivato il weekend. Vi proponiamo 5 mostre da vedere assolutamente

Anche questa settimana volge al termine: ecco 5 mostre da visitare assolutamente in questo primo weekend di dicembre in giro per l’Italia.

5 mostre da visitare nel primo weekend di Dicembre

Pier Paolo Pasolini – Non mi lascio commuovere dalle fotografie – Genova

Tra le mostre da non perdere quella su Pier Paolo Pasolini, che è stato probabilmente l’intellettuale più scomodo, acuto e controverso del secondo Novecento italiano. Il percorso espositivo intende far conoscere e approfondire la conoscenza della sua vita e della sua esperienza professionale: una iniziativa culturale che nasce dalla volontà di continuare ad alimentare, soprattutto nelle giovani generazioni, un confronto con il lascito intellettuale di Pasolini. La selezione di fotografie proposta in mostra permette di costruire un vero e proprio percorso nelle principali esperienze che hanno caratterizzato il lavoro e la vita del poeta.

Terra sacra – Ancona

Cinque anni fa un terremoto ferì l’Italia centrale provocando ingenti danni e numerosi morti. Le Marche furono una delle regioni più colpite e la città di Ancona fu tra le prime a interrogarsi sulle forme di aiuto da portare ai territori coinvolti. La mostra intende partire dal territorio di Ancona e in particolare dalla Mole, che ormai da anni si è confermata uno degli spazi culturali più importanti del centro-sud della Penisola, anche in virtù delle contaminazioni fra cultura (le mostre), psicoanalisi e scienze umane (Festival KUM!), musica (La mia generazione festival), e innovazione nell’ambito dell’accessibilità (Museo Omero). 

Arte moderna e contemporanea. Antologia scelta 2022 – Firenze

Arte moderna e contemporanea. Antologia scelta 2022 , appuntamento annuale che si concretizza in una mostra nelle due sedi italiane, di Firenze e di Milano, e in un volume, frutto di un’accurata selezione di opere, che evidenzia lo spirito di attenta ricerca e raffinata conoscenza che la galleria ha maturato nel tempo. Grazie alla passione e dedizione di Roberto Casamonti che l’ha fondata, Tornabuoni Arte ha saputo, nel corso degli anni, creare un importante circuito espositivo e culturale in Italia e all’estero, coinvolgendo istituzioni pubbliche e private, con una programmazione internazionale, realizzata grazie anche al rapporto consolidato con critici d’arte, curatori e collezionisti.

5-mostre-da-vedere-a-dicembre-2021-1201-568

5 mostre da non perdere a Dicembre 2021

Con il mese di dicembre si aprono nuove bellissime mostre in tutta Italia da non perdere

 

Augusto Majani (1867-1959). La potenza dell’Idea – Bologna

Una delle mostre da non perdere questo weekend. Saranno esposte circa 90 opere, tra tele e tavole, dagli esordi fino agli anni Cinquanta del Novecento, molte delle quali provenienti da importanti istituzioni museali italiane – Pinacoteca Nazionale di Bologna, Istituzione Bologna Musei |MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, Segretariato generale della Presidenza della Repubblica, Museo Storico Giuseppe Garibaldi di Como, Collezioni d’Arte e di Storia della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, Accademia di Belle Arti di Bologna –, dalla Pinacoteca civica “Domenico Inzaghi” di Budrio, città natale dell’artista, e da numerose collezioni private.

Canova Ebe – Bassano del Grappa

Ebe, simbolo dell’eterna giovinezza, coppiera degli Dei, è risorta dalle ceneri. O più correttamente dai frammenti che, all’indomani del bombardamento alleato su Bassano del 24 aprile 1945, venero raccolti come reliquie. Reliquie di un gesso tra i più belli e affascinanti tra quelli realizzati dal celebre scultore di Possagno. Poi, la messa a punto di nuove tecnologie applicate al restauro ha permesso alla mitica Ebe in gesso di Bassano del Grappa di ritrovare la sua forma e la sua grazia. A ridarle vita ha provveduto un innovativo intervento, interamente finanziato dal Rotary Bassano e dal Rotary Asolo Pedemontana. All’impresa ha collaborato anche il Comune di Forlì, proprietario della versione marmorea di Ebe cui il gesso bassanese è collegato

© Riproduzione Riservata