Sei qui: Home » Arte » Le 5 mostre da non perdere durante le vacanze di Pasqua 2022
mostre da visistare

Le 5 mostre da non perdere durante le vacanze di Pasqua 2022

Cosa c’è di più bello di un giro fuori porta all’insegna dell’arte e della cultura? Sperando anche che il bel tempo accompagni questi giorni, vi proponiamo le 5 mostre d’arte e fotografia da non perdere durante le vacanze di Pasqua.

Le mostre da visitare durante le vacanze di Pasqua 2022. Il ponte di Pasqua e Pasquetta è alle porte. Se molti decidono di trascorrere le vacanze riposandosi a casa e ritrovando i propri cari, sono altrettanto numerosi coloro che optano per una gita fuori porta alla scoperta di luoghi nuovi, all’insegna dell’arte e della cultura. 

Le 5 mostre da non perdere durante le vacanze di Pasqua

Ecco perché oggi vi proponiamo una classifica delle 5 mostre d’arte e fotografia da non perdere durante le vacanze pasquali.

“Tiziano, l’immagine della donna nella Venezia del Cinquecento”, al Palazzo Reale di Milano

Assolutamente da visitare se vi troverete in quel di Milano durante le vostre vacanze di Pasqua, la mostra “Tiziano, l’immagine della donna nella Venezia del Cinquecento” mette in luce l’importanza della figura femminile nel XVI secolo grazie ai grandi artisti che l’hanno celebrata nelle loro opere, primo fra tutti Tiziano. Diviso in sezioni tematiche, il percorso si snoda attraverso una ricca selezione di opere di Tiziano, Lotto, Veronese e dei maggiori pittori del tempo messi a confronto per riuscire a decodificare come la donna era vista da tutti questi artisti.

“Guido Reni a Roma. Il Sacro e la Natura”, alla Galleria Borghese di Roma

Se durante le vacanze di Pasqua sarete a Roma, non potrete non recarvi alla Galleria Borghese, dove è possibile visitare un meraviglioso parco e godere della splendida vista della terrazza del Pincio. In questi giorni, la Galleria ospita “Guido Reni a Roma. Il sacro e la Natura”, una mostra che ha per protagonista il pittore seicentesco Guido Reni, di cui sono esposte oltre 30 opere che provano a ricostruire i primi anni del soggiorno romano dell’artista, interessato soprattutto all’aspetto naturalistico e paesaggistico. L’esposizione è resa ancor più interessante dalle 4 monumentali pale d’altare realizzate da Reni, che mostrano la sua grande abilità nel rappresentare i movimenti dell’animo umano.

“Monet. Capolavori dal Musée Marmottan Monet di Parigi”, al Palazzo Ducale di Genova

“Il mio giardino è l’opera d’arte più bella che io abbia creato” diceva Monet. Come potremmo allora perderci questo percorso espositivo che proviene direttamente dal Musée Marmottan Monet di Parigi interamente dedicato alle opere dell’artista impressionista maestro nella rappresentazione della natura? In esposizione oltre 50 opere, dalle amate “Ninfee” (1916-1919) a “Le rose” (1925-1925), lavori a cui Monet era profondamente legato tanto da tenerle custodite nel suo studio a Giverny. Una straordinaria occasione durante le vacanze di Pasqua per salutare la primavera e immergersi nella bellezza dell’arte e della natura.

“Robert Doisneau”, al Centro Saint-Bénin di Aosta

Grazie ad un’iniziativa dell’Assessorato Beni Culturali della Valle d’Aosta, il Centro Saint-Bénin diventa sede di un percorso espositivo dedicato al celebre fotografo francese Robert Doisneau. La Dirigente delle attività espostice ha così commentato la presenza delle fotografie scelte per la mostra:

“Le selezionatissime immagini che il curatore Gabriel Bauret ha scelto per questa mostra provengono dall’Atelier Doisneau di Montrouge, nel sud della capitale francese. Sono immagini empatiche che avvicinano l’osservatore, lo rendono partecipe e non solo spettatore. Robert Doisneau incarna l’immagine del fotografo umanista immerso nella vita della sua città: ne coglie il respiro, le emozioni, le trasformazioni sociali, ne narra la bellezza, le contraddizioni, le storie minime che ne compongono la storia collettiva”.

“La Dea Atena”, al Museo Salinas e “Antonello da Messina” al Palazzo Abatellis di Palermo

In Sicilia sono almeno due gli appuntamenti culturali da non perdere nel corso delle vacanze di Pasqua. Il Museo Salinas ospiterà la statua della Dea Atena, arrivata direttamente dal museo dell’Acropoli della capitale greca. Una splendida opportunità per tutti gli appassionati di storia e arte antica, che potranno godere dello spettacolo scultoreo ateniese direttamente a Palermo. Già che vi trovate nei paraggi, non potete non far visita alle opere di Antonello da Messina ospitate a Palazzo Abatellis, fra cui spicca l’Annunciata, la tela più preziosa e celebre attribuita all’artista siciliano.

© Riproduzione Riservata