Sei qui: Home » Arte » 5 mostre da non perdere nel weekend del 22-23 gennaio
Cosa fare

5 mostre da non perdere nel weekend del 22-23 gennaio

Anche per questo fine settimana vi proponiamo 5 mostre da vedere assolutamente nelle varie città d'Italia

Come ogni fine settimana che si rispetti, noi di Libreriamo vi proponiamo 5 mostre in giro per l’Italia da vedere assolutamente per trascorrere un fine settimana ricco di bellezza e all’insegna dell’arte. Da Bologna a Sutri, ecco i nostri consigli.

5 mostre da non perdere nel weekend del 22-23 gennaio

Figurabilia. Piccolo festival dell’arte iconica, Bologna

L’arte per sua natura è un moto continuo, che si sottrae alle regole, capace di cambiare rotta seguendo i mutamenti sociali, attingendo dall’esterno per diventare espressione di un’interiorità. La pandemia, il suo tempo sospeso, ma soprattutto i cambiamenti nelle cifre stilistiche che ne sono emersi sono al centro di EXIT, la seconda edizione di FIGURABILIA, il piccolo festival dell’arte figurativa in programma a Bologna dal 21 al 23 gennaio 2022. Sei artiste italiane saranno interpreti di questa tendenza non solo attraverso le loro opere originali ma, come da tradizione di FIGURABILIA, facendone oggetto di discussioni e confronti insieme al critico d’arte Carlo Micheli, da loro invitato per un dialogo aperto sul tema.

Donne nell’arte. Da Tiziano a Boldini, Brescia

La mostra Donne nell’arte. Da Tiziano a Boldini, che documenta quanto la rappresentazione dell’universo femminile abbia giocato un ruolo determinante nella storia dell’arte italiana lungo un periodo di quattro secoli. curata da Davide Dotti, organizzata dall’Associazione Amici di Palazzo Martinengo, col patrocinio della Provincia di Brescia, del Comune di Brescia e della Fondazione Provincia di Brescia Eventi, in partnership con Fondazione Marcegaglia onlus, presenta oltre 90 capolavori di artisti quali Tiziano, Guercino, Pitocchetto, Appiani, Hayez, Corcos, Zandomeneghi e Boldini che, con le loro opere, hanno saputo rappresentare la personalità, la raffinatezza, il carattere, la sensualità e le più sottili sfumature dell’emisfero femminile, ponendo particolare attenzione alla moda, alle acconciature e agli accessori tipici di ogni epoca e contesto geografico.

5 nuovissime mostre da vedere nel weekend del 15-16 gennaio-1201-568

5 nuovissime mostre da vedere nel weekend del 15-16 gennaio

Ecco 5 nuove mostre da visitare in concomitanza del fine settimana del 15-16 gennaio in tutta Italia. Da Milano a Cuneo

 

Milleluci, Torino

Tra le mostre da non perdere questo weekend quella alla Galleria Berman. 26 sculture dell’artista di fama internazionale “che illumina il mondo” Marco Lodola. Le sue opere sono presenti ovunque, dagli Uffizi di Firenze alla Piazza del Duomo di Milano, dalle facciate dell’Ariston di Sanremo ai palazzi di Dior disseminati in tutto il mondo. Le sculture luminose sono veri e propri oggetti di comunicazione, design e arredamento. Conoscere Marco Lodola e la sua arte è come tuffarsi tra presente, passato e futuro. La mostra è un modo per celebrare un vero e proprio “Re” della Pop Art contemporanea. Le sue opere contengono, oltre all’aspetto ludico, anche tutte queste suggestioni televisive e musicali insieme.

Segrete. Tracce di memoria, Genova

L’arte contemporanea per tenere viva la memoria della Shoah. La rassegna, che si configura come una delle più importanti manifestazioni artistiche europee sul tema, anche in questa edizione si articola in una serie di eventi e contributi artistici internazionali, tra arte, musica, teatro e poesia, ma anche dibattiti e incontri con i giovani.
Gli artisti in mostra sono: Miro Craemer, Roberto Ghezzi, Manuel Felisi, Luisa Mazza, Stefanie Oberneder, Andrea Sanvittore, Francesco Vullo. La Testimonianza costituisce una prova con una idea implicita di presenza, di diretta conoscenza: questo ovviamente è valso nel tempo per tutto il percorso documentale sulla Shoah e oggi è un’assunzione che andrà a valere anche per il pubblico di Segrete.

Simon Gaon. Mind over matter, Sutri

Ultima tra le mostre proposte, quella di Gaom. Il progetto di manifestarsi artista autentico contro l’improntitudine del mondo, contro il main stream, per lasciarsi trasportare nella corrente impetuosa della creazione, unitamente al proprio spirito immutato, puro, tangibile. Scavare Bellezza, tenendola così fissamente nello sguardo, da farla sprofondare lentamente in questa forma di vita che la esclude, se questa dell’Artista è la vera voce. Se questa voce singolare e bistrattata dal mondo delle merci è l’unica che possiede. Perché l’Artista si riconosce nell’insopprimibile tensione verso la salvezza del mondo, spettacolo manifesto del mistero di tanta bellezza da implodere nel cuore. 

© Riproduzione Riservata