Sei qui: Home » Arte » 5 mostre da vedere assolutamente durante le festività natalizie
Cosa fare

5 mostre da vedere assolutamente durante le festività natalizie

Vi proponiamo 5 mostre da non perdere sfruttando questo periodo di festa per godere della bellezza dell'arte

Manca una settimana a Natale e le vacanze sono sempre più vicine. Vi proponiamo 5 mostre da vedere assolutamente durante questo periodo di feste per godervi tutta la bellezza dell’arte e della cultura in giro per l’Italia.

5 mostre da vedere assolutamente durante le festività natalizie

Punto, linea e superficie. Kandinsky e le avanguardie – Monfalcone

Tra le mostre da vedere durante il periodo natalizio troviamo quella dedicata a Kandinsky in programma a Monfalcone. L’importante esposizione, a cura di Elisabetta Barisoni, il cui titolo Punto, linea e superficie è tratto da un celebre libro scritto da Kandinsky nel 1926, uno dei testi capitali della moderna teoria dell’arte, propone quaranta opere di grandi artisti delle Collezioni di Ca’ Pesaro – Galleria Internazionale d’Arte moderna, fra le quali alcune eccezionali degli anni Venti e Trenta del padre dell’astrattismo, in un percorso espositivo suddiviso in quattro sezioni: NASCITA DELL’ASTRAZIONE, LE AVANGUARDIE ASTRATTE E SURREALISTE, ASTRAZIONE NEL SECONDO DOPOGUERRA, LA SCULTURA VERSO IL MINIMALISMO.

Tina Modotti. L’umano fervore – Ravenna

L’opening della mostra al PR2 sarà accompagnato dal reading dell’attrice Elena Bucci che, attraverso una selezione di scritti di e su Tina Modotti, introdurrà i visitatori alla visione delle opere della celebre fotografa. L’esposizione presenta un nucleo di circa cinquanta opere che documentano il percorso di Modotti, breve e allo stesso tempo ricco di opere straordinarie. Si parte dalle celebri “Calle” del 1924 e dalla produzione nata dal sodalizio con Edward Weston sino ad arrivare all’ epos degli umili, attraversando le immagini raccolte nel Messico dolente e meraviglioso dei bambini, degli uomini e delle donne di Tehuantepec, in mezzo a un’umanità bellissima e straziante. Una delle mostre da non perdere.

mostra-contemporaneita-arte-canova-1201-568

Una mostra sulla contemporaneità dell’arte di Canova

E’ stata inaugurata la mostra “Canova tra innocenza e peccato” presso il Mart di Rovereto. Un’esperienza sulla contemporaneità dello scultore

 

La fabbrica del Rinascimento. Processi creativi, mercato e produzione a Vicenza – Vicenza

Tra le mostre da vedere durante le festività troviamo un’esposizione unica nel suo genere che, intrecciando capolavori assoluti di pittura, scultura e architettura, accostati a libri, tessuti, oggetti preziosi, arazzi, trasporterà i visitatori indietro nel tempo, all’interno della sorprendente “fabbrica” del Rinascimento, raccontando trent’anni dell’eccezionale vita artistica di Vicenza, dal 1550 all’inaugurazione del teatro Olimpico nel 1585. Lungo il percorso espositivo, il visitatore entrerà “letteralmente” nella bottega degli artisti e dei loro meccanismi di produzione della bellezza, scoprirà come nascevano i capolavori attraverso un confronto diretto con i committenti, i modelli originari, i disegni, i bozzetti, il metodo di lavoro.

Waves Orchestra – Cesenatico

ORCHESTRA è l’installazione site specific di Anonima/Luci e Katatonic Silentio, ideata e realizzata dall’associazione MAGMA in collaborazione con il Comune di Cesenatico. L’intento è di valorizzare lo storico edificio dell’Ex Lavatoio, nell’ambito del progetto “REVIVAL. Revitalization and reuse of the lost heritage in the Adriatic landscape”, cofinanziato dal Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia-Croazia dell’Unione Europea. WAVES ORCHESTRA è una macro installazione luminosa e sonora che il pubblico potrà fruire dall’esterno, attraverso le vetrate. L’intervento di Anonima/Luci prevede l’utilizzo di una matrice di 180 laser con circuiti costruiti su misura e un setup di spazializzazione in esterno e usufruisce dell’intervento sonoro di Katatonic Silentio.

Lorenzo Puglisi. Natività – Firenze

Da mercoledì 22 dicembre la “Natività” di Lorenzo Puglisi potrà essere ammirata alle spalle dell’altare nella celebre Cappella Rucellai. Il dipinto, appena tornato dall’Art Museum Riga Bourse in Lettonia, dove è stato esposto in collaborazione con le Gallerie degli Uffizi, arriva per la prima volta in Toscana con la curatela di Angelo Crespi. Nell’anno che il Museo Marino Marini dedica alla luce come elemento centrale della creazione artistica, per celebrare le festività natalizie, Puglisi si confronta con Caravaggio attraverso il tempo e lo spazio, in una sorta di dialogo a distanza, forte di una poetica che trae forza dal contrasto tra toni chiari e scuri, dai corpi che emergono dall’oscurità per sbocciare in un improvviso chiarore.

© Riproduzione Riservata