Sei qui: Home » Arte » 5 mostre da vedere durante il ponte di Ognissanti
Consigli

5 mostre da vedere durante il ponte di Ognissanti

In occasione del ponte di Ognissanti, vi proponiamo 5 nuove interessanti mostre da non perdervi durante questo lungo weekend

In occasione del ponte di Ognissanti, vi proponiamo 5 nuove interessanti mostre da non perdere nel weekend lungo che ci aspetta.  Una rassegna artistica in giro per l’Italia per chiunque volesse evadere dalla quotidianità durante questo ponte.

5 mostre da vedere durante il ponte di Ognissanti

1. Antonio Ligabue e il suo mondo – Bard

Tra le mostre da visitare, quella al Forte di Bard che accoglie 95 opere che sfogliano l’intero percorso artistico di Ligabue, dalla fine degli anni Venti al 1962, quando, a causa di una paresi, Ligabue fu costretto a interrompere la sua attività fino al 1965, anno della morte.
L’intento di Sandro Parmiggiani, curatore della rassegna, è quello di invitare il pubblico a cogliere i diversi strumenti espressivi che hanno sedotto e messo alla prova il genio di Ligabue, con esiti altissimi in ogni tecnica.

2. Giovanni Boldini. Lo sguardo nell’anima – Bologna

Una delle mostre più interessanti è quella su Boldini. In occasione del novantesimo anniversario della sua morte avvenuta a Parigi nel 1931, la cornice di Palazzo Albergati di Bologna con oltre 90 opere, ospita una straordinaria mostra dedicata a Giovanni Boldini. Il fascino femminile, gli abiti sontuosi e fruscianti, la Belle Époque, i salotti: è il travolgente mondo di Giovanni Boldini, genio della pittura che più di ogni altro ha saputo restituire le atmosfere rarefatte di un’epoca straordinaria. Letteratura e moda, musica e lusso, arte e bistrot si confondono nel ritmo sensuale del can can e producono una straordinaria rinascita sociale e civile.

torna-a-trieste-festival-fotografia-1201-568

Torna a Trieste il festival internazionale di fotografia urbana

Trieste Photo Days torna nel capoluogo friulano per l’ottava edizione con un fitto weekend di mostre ed eventi

 

3. A riveder le stelle – Padova

“A riveder le stelle” è una delle mostre da non perdere. Un’esposizione d’arte contemporanea a cura di Barbara Codogno realizzata in occasione del 700esimo anniversario della morte di Dante Alighieri che l’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova organizza dal 30 ottobre 2021 al 31 gennaio 2022 nelle sale destinate alle esposizioni temporanee del Museo Eremitani, in collaborazione con la Collezione “The Bank Contemporary Art Collection” di Antonio Menon. Il dialogo trova evidenza nel linguaggio visivo contemporaneo grazie alle opere del collezionista bassanese che ha chiamato a raccolta i nomi più celebrati dal panorama pittorico figurativo italiano. 

4. Frida Kahlo. The Experience – Ojos que no ven corazón que no siente – Bologna

Tra le mostre più attese, quella su Frida Kahlo. L’esposizione presenta la vita di Frida Kahlo, caratterizzata da una difficile condizione fisica e al tempo stesso dalla forte capacità di reazione e resilienza di fronte alle avversità. Frida ha saputo trasformare la sua immobilità in opportunità e la sua sofferenza in un’energia che l’ha resa immortale, una vera icona del mondo contemporaneo. Il percorso indaga tutte le fasi della vita dell’artista attraverso una selezione unica, appassionante e rivelatrice di fotografie. Nel percorso presenti le ricostruzioni degli ambienti cari all’artista nei quali saranno esposti anche abiti e monili.

5. Il sorriso e lo sguardo di Alda Merini – Ravenna

Ultima, ma non meno importante tra le mostre da vedere nel weekend, quella su Alda Merini. Una personale di Giuseppe Nicoloro con testo critico di Dino Silvestroni. Una rassegna di fotografie che, attraverso lo sguardo e il sorriso, consentono di cogliere lo stato d’animo di Alda Merini in situazioni private, in raccoglimento con se stessa, in apparizioni pubbliche, nella relazione con altre persone. Il contesto di riferimento delle immagini varia dalla casa privata sui Navigli a Milano (primi anni Novanta) al camerino del Teatro Filodrammatici, al palcoscenico di altri teatri o di Studi televisivi, agli ambienti di eventi culturali (anni Duemila).

© Riproduzione Riservata