Sei qui: Home » Arte » 5 mostre da non perdere in programma durante l’estate 2021
Consigli per l'estate

5 mostre da non perdere in programma durante l’estate 2021

Dopo un lungo periodo di stop l’arte ha ricominciato a funzionare a pieno regime. Ecco 5 mostre da vedere assolutamente in estate

L’arte e la cultura hanno subito tanto in questi ultimi due anni a causa delle restrizioni anti Covid-19. Finalmente però, da questa primavera, le cose hanno ripreso a funzionare a pieno regime. Si prospetta quindi un’estate all’insegna della cultura e per questo motivo abbiamo pensato di proporvi una selezione di 5 mostre nei prossimi mesi che non potete assolutamente perdere.

Picasso, de Chirico, Dalì. Dialogo con Raffaello – Mart, Rovereto

La mostra è uno studio inedito e approfondito sul modo in cui l’arte di Raffello ha influenzato tre dei più importanti protagonisti del XX secolo: Picasso, de Chirico, Dalí. Seppur in maniera del tutto indipendente, i tre artisti furono ispirati dalla lezione del pittore urbinate di cui studiarono, citarono, interpretarono l’opera lungo tutto l’arco delle loro carriere. L’esposizione La mostra si snoda attraverso 8 sezioni tematiche. Cento capolavori provenienti da alcuni tra i principali musei internazionali, come le Gallerie degli Uffizi di Firenze, il Musée national Picasso di Parigi e la Fundació Gala-Salvador Dalí di Figueres, compongono un affascinante percorso nel quale antico e moderno dialogano. Curata da Beatrice Avanzi e Victoria Noel-Johnson, la direzione artistica dell’allestimento è di Contemplazioni.

Frida Kahlo: Ojos que no ven corazón que no siente – PAN, Napoli

Tra le mostre più attese, Frida. Per la prima volta in Europa viene mostrata al pubblico una selezione unica, appassionante e rivelatrice di fotografie e lettere che si riferiscono a momenti conosciuti ed inediti della vita di Frida Kahlo. Alejandra López, che per dieci anni ha coordinato la registrazione delle collezioni, la realizzazione di mostre temporanee e le attività di restauro dell’eredità di Frida, a Casa Azul, Museo di Frida Kahlo a Città del Messico, dichiara: “La mostra è una selezione visiva di momenti importanti nella vita di Frida Kahlo…”. L’esposizione presenta la vita di Frida Kahlo, caratterizzata da una difficile condizione fisica e al tempo stesso dalla forte capacità di reazione e resilienza di fronte alle avversità.

Vedere la musica. L’arte dal Simbolismo alle avanguardie – Palazzo Roverella, Rovigo

Kandinskij, Renoir, Chagall, Klee, Kokoschka, Boccioni, Balla, Segantini, Casorati, oltre a preziosi disegni di Picasso, Klimt e Le Corbusier: le opere dei grandi artisti del Novecento riunite per rispondere ad una domanda: “È possibile ascoltare la musica con gli occhi? Si può dare forma al suono e colore all’invisibile?” A Palazzo Roverella una mostra per approfondire il rapporto tra arti visive e musica, declinato con modalità e sfumature differenti, dalla stagione simbolista fino alle avanguardie storiche del secolo scorso.

Una infinita bellezza. Paesaggio e Ambiente in Italia dalla pittura romantica all’arte contemporanea – Venaria Reale, Torino

La mostra intende documentare l’attenzione e la passione presentando oltre 200 opere tra dipinti, fotografie, video e installazioni. La rassegna nasce grazie ad un accordo tra il Consorzio delle Residenze Reali Sabaude e la Fondazione Torino Musei, in base al quale circa 100 opere, per lo più pittoriche, della GAM -Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea- di Torino diventano il nucleo centrale di questo evento espositivo dedicato al tema #Green, con la volontà di far conoscere al grande pubblico l’esistenza di un’estetica verde e di una sensibilità ambientalista già nel primo Romanticismo nelle opere di artisti e nel pensiero di filosofi come Immanuel Kant fautori di una natura Sublime o Pittoresca, che incute timore e reverenza oppure gioiosa serenità.

Breath Ghosts Blind – HangarBicocca, Milano

Una tra le mostre più interessanti. A cura di Roberta Tenconi e Vicente Todolí, la mostra personale di Maurizio Cattelan coniuga una riconfigurazione di un lavoro storico con opere inedite che per la prima volta vengono presentate negli spazi delle Navate di Pirelli HangarBicocca, trasformandoli in un monumento fuori dal tempo. “Breath Ghosts Blind” si sviluppa in una sequenza di atti distinti che affrontano temi e concetti esistenziali come la fragilità della vita, la memoria e il senso di perdita individuale e comunitario. Il progetto site-specific dell’esposizione in Pirelli HangarBicocca mette in discussione il sistema di valori attuale, tra riferimenti simbolici e immagini che appartengono all’immaginario collettivo.

© Riproduzione Riservata