poesia simbolista

Paul Valéry, gli aforismi più celebri

Oggi ricorre l'anniversario della nascita di Paul Valéry, poeta e filosofo francese. Vogliamo ricordarlo con una raccolta dei suoi aforismi più celebri
Paul Valéry, gli aforismi più celebri
MILANO – Paul Valéry (3o ottobre 1871 – 20 luglio 1945) è stato uno dei più importanti esponenti della poesia simbolista francese. Dopo un iniziale esordio poetico nel 1889, nella notte tra il 4 e il 5 ottobre 1892 ebbe una crisi esistenziale che lo portò ad abbandonare la via della poesia e dei poeti intellettuali. Per anni si dedicò esclusivamente alla scrittura dei suoi Cahiers, diari nei quali quotidianamente scriveva le sue riflessioni e i suoi pensieri, che lo consacrarono come uno dei più influenti pensatori e saggisti francesi del Novecento. Ecco alcuni dei suoi aforismi più celebri:
   .
Se pensi come la maggioranza, il tuo pensiero diventa superfluo.
.    
L’amore consiste nell’essere cretini insieme.
    .    
Chi non può attaccare il ragionamento attacca il ragionatore.
    .    
I cuori degli amici sono spesso più impenetrabili dei cuori dei nemici.
    .    
La cattiva memoria fabbrica mentitori. La buona li aiuta.
    .    
Dio creò l’uomo e, trovando che non era abbastanza solo, gli diede una compagna perché sentisse più acutamente la sua solitudine.
    .    
La cortesia è indifferenza organizzata.
    .    
Il vero snob è colui che non osa confessare che s’annoia quando s’annoia e che si diverte quando si diverte.
    .    
Gli autori si pongono molto raramente la domanda: che interesse può avere per un lettore la frase che ho appena scritto?

 

Non affrontate i vostri nemici. Non fatene degli avversari – ovvero, degli eguali.

 

L’uomo vale che si disturbi un Dio per “crearlo”?
  .   
paul-valery

© Riproduzione Riservata
Commenti