LIBRI - Speciale giornata contro la pena di morte

Giornata Internazionale delle Città contro la pena di morte, gli aforismi per dire ”NO”

Oggi si celebra in tutto il mondo la tredicesima edizione della Giornata internazionale delle Città per la Vita - Città contro la pena di morte. ono circa 1.908 le città, di 98 paesi del mondo...

MILANO – Oggi MILANO – Oggi si celebra in tutto il mondo la tredicesima edizione della Giornata internazionale delle Città per la Vita – Città contro la pena di morte. Forlì contro la pena di morte: il Comune aderisce all’iniziativa
Sono circa 1.908 le città, di 98 paesi del mondo, che aderiscono all’edizione 2014 di “Città per la Vita”. Chi ama i libri e la cultura sa bene che nessun altro uomo ha il diritto di togliere la vita ad un altro essere umano. Quello della pena di morte è un tema che hanno affrontato intellettuali artisti e scrittori di ogni epoca. di seguito, vi segnaliamo alcuni aforismi sul tema.

‘La pena di morte è il risultato di una idea mistica, totalmente incompresa oggi. La pena di morte non ha per scopo di salvare la società, almeno materialmente. Ha per scopo di salvare (spiritualmente) la società e il colpevole. Affinché il sacrificio sia perfetto, bisogna che vi siano consenso e gioia, da parte della vittima. Dare del cloroformio a un condannato a morte sarebbe un’empietà, poiché significherebbe togliergli la coscienza della sua grandezza come vittima e sopprimergli le chances di guadagnare il Paradiso.’
Charles Baudelaire, Il mio cuore messo a nudo

 

‘Non è il terribile ma passeggiero spettacolo della morte di uno scellerato, ma il lungo e stentato esempio di un uomo privo di libertà, che, divenuto bestia di servigio, ricompensa colle sue fatiche quella società che ha offesa, che è il freno più forte contro i delitti.’

Cesare Beccaria, Dei delitti e delle pene

 

‘La pena di morte diviene uno spettacolo per la maggior parte e un oggetto di compassione mista di sdegno per alcuni; ambidue questi sentimenti occupano più l’animo degli spettatori che non il salutare terrore che la legge pretende inspirare.’

Cesare Beccaria, Dei delitti e delle pene

 

‘Parmi un assurdo che le leggi, che sono l’espressione della pubblica volontà, che detestano e puniscono l’omicidio, ne commettono uno esse medesime, e, per allontanare i cittadini dall’assassinio, ordinino un pubblico assassinio.’

Cesare Beccaria, Dei delitti e delle pene

 

‘Il senso d’impotenza e di solitudine del condannato incatenato, di fronte alla coalizione pubblica che vuole la sua morte, è già di per sé una punizione inconcepibile.’

Albert Camus, Riflessioni sulla pena di morte

 

‘Generalmente l’uomo è distrutto dall’attesa della pena capitale molto tempo prima di morire. Gli si infliggono così due morti, e la prima è peggiore dell’altra, mentre egli ha ucciso una volta sola. Paragonata a questo supplizio, la legge del taglione appare ancora come una legge di civiltà. Non ha mai preteso che si dovessero cavare entrambi gli occhi a chi aveva reso cieco di un occhio il proprio fratello.’
Albert Camus, Riflessioni sulla pena di morte

 

‘La pena di morte, così come la si applica, è una disgustosa macelleria, un oltraggio inflitto alla persona e al corpo.’

Albert Camus, Riflessioni sulla pena di morte

 

‘Non vi sarà pace durevole né nel cuore degli individui né nei costumi della società sin quando la morte non verrà posta fuori legge.’

Albert Camus, Riflessioni sulla pena di morte

‘Alla pena di morte si può sostituire come cerimonia compensatrice finalmente incruenta la maledizione pubblica.’

Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo

 

‘Non si metteranno a morte i padri per una colpa dei figli, né si metteranno a morte i figli per una colpa dei padri; ognuno sarà messo a morte per il proprio peccato.’

Deuteronomio, Antico Testamento

 

‘La pena di morte, oltre che non cura la emendazione della vittima, spegne una vita, non le importa se depravata o santificata dalla sventura, e le basta ad altrui spavento un capo mozzo o un cadavere appeso.’
Pietro Ellero, La tirannide borghese

 

‘Soltanto i despoti sostengono che la pena di morte è un attributo necessario all’autorità. Il popolo sovrano un giorno l’abolirà.’
Anatole France, Gli dèi hanno sete

 

‘Se la società rinuncia al diritto di infliggere la pena di morte, ricomparirà immediatamente il diritto alla difesa personale: la vendetta batterà alla porta.’

Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni

 

‘È abbastanza evidente che coloro che sostengono la pena di morte hanno più affinità con gli assassini di quelli che la combattono.’

Remy de Gourmont, Pensieri inediti

30 novembre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti