La polemica

“Principe molestatore”, al bando la “Bella addormentata nel bosco”

La curiosa richiesta proviene dal Regno Unito dove una mamma ritiene che la fiaba legittimi a baciare le donne mentre dormono e incapaci di dare il consenso
"Principe molestatore", al bando la "Bella addormentata nel bosco"

MILANO – Una manna ha chiesto che la classica favola della “Bella Addormentata” sia bandita dalla scuola di suo figlio, poiché “promuove un messaggio sessuale inappropriato. La curiosa richiesta proviene dal Regno Unito dove, come riportato da news.com, Sarah Hall di North Sheilds, in Inghilterra, ritiene che la storia promuove comportamenti inaccettabili fin dalla giovane età, normalizzando le donne che vengono baciate mentre dormono e incapaci di dare il consenso.

La denuncia

La signora Hall, 40 anni, ha detto di aver capito per la prima volta che la fiaba stava mandando un messaggio inappropriato ai bambini mentre leggeva il libro scolastico a suo figlio, di sei anni. Nella ben nota storia, una principessa cade in un sonno profondo dopo essere stata avvelenata dalla punta di un fuso di un arcolaio, e solo un bacio da un principe può salvarla. La mamma ha espresso le sue preoccupazioni riguardo al libro su Twitter insieme all’hashtag #MeToo, che viene utilizzato dagli utenti dei social media per fare campagna contro l’aggressione sessuale in seguito alle accuse di molestie sessuali contro il produttore hollywoodiano Harvey Weinstein.

“Vietare il libro ai più piccoli”

La signora Hall ha anche lasciato un commento nel libro e ha chiesto alla scuola di rimuovere tutti i libri di questo tipo dalle classi dei più piccoli. “Penso che ci sia un problema specifico nella storia della Bella Addormentata legato al comportamento ed al consenso sessuale. Ciò è sintomatico di quanto sia radicato questo tipo di comportamento sia nella società”. Tuttavia, la donna crede che non tutti i libri dovrebbero essere vietati, in quanto potrebbero essere usati come punto di discussione per discutere il consenso con gli studenti più grandi. “Non credo che togliere completamente dalla circolazione i libri della Bella Addormentata sarebbe giusto. In realtà penso che sarebbe una grande risorsa per i bambini più grandi – ha aggiunto la donna – Ma sono molto preoccupata per i bambini più piccoli, occorre riflettere sul fatto che questo sia veramente un materiale adatto.” Non tutti sono d’accordo con la proposta della signora Hall; secondo molti, la preoccupazioen sollevata è esagerata.

© Riproduzione Riservata
Commenti