Sei qui: Home » Società » L’arte della positività, cosa ci impedisce oggi di essere felici nonostante tutto
riflessioni

L’arte della positività, cosa ci impedisce oggi di essere felici nonostante tutto

È davvero possibile essere felici? Ma soprattutto, come si può raggiungere questa sensazione? Ecco alcune riflessioni che vogliamo condividere insieme

“La felicità è una scelta quotidiana. Non la trovi in assenza di problemi. La trovi nonostante i problemi.”
Stephen Littleword

Quale essere umano non desidera essere felice?
Quale essere umano non ha a cuore la sua serenità d’animo?
Chiunque di noi serba nel suo cuore la speranza di raggiungere un giorno la letizia interiore.

La felicità oggi

Però, al giorno d’oggi, la felicità pare aver assunto un’accezione prettamente utopica.
I ritmi infernali della routine, gli infiniti problemi da affrontare, i continui imprevisti contro cui ci imbattiamo quotidianamente e la spropositata quantità di doveri a cui dobbiamo necessariamente adempiere conferiscono a questo stato d’animo un alone di mistero, rendendolo ai nostri occhi una realtà sempre più intangibile.

La negatività ed il pessimismo regnano incontrastate, rendendo l’atmosfera della nostra società sempre più cupa.

Gli ottimisti, dunque, risultano ormai essere un pugno di superstiti.

La metafora della mente e del giardino

È davvero possibile essere felici? Ma soprattutto, come si può raggiungere questa sensazione?

Innanzitutto, è doveroso sottolineare che ogni essere umano, indipendentemente dalla sua origine o classe sociale, possiede tutti i mezzi necessari a conseguire la gioia interiore. Il fatto è che la stragrande maggioranza delle persone non è realmente a conoscenza di quanto sia importante la nostra mente. Ogni giorno, infatti, la nostra mente elabora circa 6000 pensieri, ed ognuno di questi può seriamente determinare il nostro umore. Possiamo, perciò, facilmente dedurre che la qualità della nostra vita è determinata dalla qualità dei nostri pensieri.

Siamo spesso infelici perché permettiamo a qualsiasi tipo di pensiero di entrare liberamente nel florido giardino della nostra mente. L’uomo, per indole, possiede un lato autodistruttivo e, proprio per questo motivo, tende soventemente ad autoinfliggersi inutili punizioni. Tra le tante sofferenze autoindotte, la tortura psicologica rappresenta senza alcun dubbio quella più straziante.

Come essere felici

Ciò che occorre fare, insomma, è filtrare ogni giorno i nostri pensieri, eliminando sul nascere quelli più nocivi e permettendo solamente a quelli sani di varcare le mura della nostra mente. Prendendotene cura, vedrai che fiorirà come mai avresti creduto e sarai in grado di innalzare la qualità della tua vita. Insomma, la felicità smetterà di essere una mera velleità e diverrà a tutti gli effetti un traguardo assolutamente raggiungibile.
Ma se invece non avrai l’accortezza necessaria e permetterai all’ansia, alla paura, al nervosismo e alla rabbia di circolare liberamente al tuo interno, allora la tua salute psicofisica ne subirà le conseguenze.

Se un giardiniere permette alle erbacce di attecchire e non provvede immediatamente ad estirparle, il giardino risulterà inevitabilmente trascurato e le piante al loro interno, alla lunga, tenderanno ad appassire. Analogamente, se non riesci ad eliminare i pensieri negativi la tua mente andrà in tilt e verrà defraudata delle sue enormi potenzialità. A quel punto, non sarai più il suo padrone, bensì il suo schiavo. La felicità è una questione di abitudine mentale.

L’importanza di reagire alle difficoltà

La differenza tra una persona felice ed una infelice, sta semplicemente nel modo di reagire alle circostanze della vita. Chi tende a buttarsi giù e ad ingigantire le problematiche, senza reagire lucidamente e senza trovare una valida soluzione, si crogiolerà inevitabilmente nella disperazione, facendosi intrappolare in una spirale di negatività ed allontanandosi progressivamente dalla gioia interiore. Al contrario, le persone capaci di vedere sempre e comunque il lato positivo nonostante tutto, non perderanno mai la loro forza vitale ed è proprio grazie a questa loro prerogativa che riusciranno a trovare ciò che stanno cercando.

La felicità è una questione di abitudine. Abitua la tua mente a vedere sempre e comunque il lato positivo e vedrai che la tua vita cambierà radicalmente. Tante cose non possiamo controllare, ma tra queste non rientrano certo i nostri pensieri. Indirizzandoli verso la positività, automaticamente convertirai anche le tue azioni… e tutto ciò che reputavi impossibile diverrà finalmente una realtà palpabile.

Gabriele Garelli

© Riproduzione Riservata