Sei qui: Home » Società » J.K. Rowling ancora nel mirino per un nuovo commento transfobico
Il caso

J.K. Rowling ancora nel mirino per un nuovo commento transfobico

Da alcuni anni ormai la scrittrice J.K. Rowling si è schierata in maniera ostile contro la comunità LGBTQ+ e in particolare contro i trans.

Già in altre occasioni la scrittrice J.K. Rowling, famosa per la saga di Harry Potter, si era dimostrata ostile contro la comunità LGBTQ+ con commenti poco e dichiarazioni particolarmente transfobiche. Oggi si è scatenata una nuova bufera a causa di un altro tweet in cui l’autrice scozzese commenta un articolo del Sunday Times.

Il nuovo commento di J.K. Rowling

In un recente tweet la scrittrice commenta un articolo del Sunday Times che afferma la polizia scozzese «registrerà gli stupri commessi da criminali con genitali maschili come commessi da una donna se l’aggressore “si identifica come una donna”». Citando il famoso passaggio del libro di George Orweel “1984”, J.K Rowling ha ripostato la notizia con la seguente caption:  «La Guerra è Pace. La Libertà è Schiavitù. L’Ignoranza è Forza. L’Individuo munito di pene che ti ha violentata è una donna». Un commento che lascia il tempo che trova. Forse un semplice modo per continuare la provocazione, in quanto la pena prevista per lo stupro non è stata modificata dal fatto che si riconoscerà l’identificazione di genere del colpevole.

10 frasi tratte da Harry Potter capaci di tirarvi su di morale

10 frasi tratte da Harry Potter capaci di tirarvi su di morale

Sentite mai il bisogno di tirarvi su di morale leggendo la vostra serie di libri preferita? Ecco alcune delle più emozionali frasi tratte dai libri di Harry Potter, capaci di ispirare ognuno di noi

 

Un mentalità chiusa per una persona tanto creativa

Dai fan agli attori stessi che hanno interpretato i film del suo successo letterario, già in passato le risposte alle esternazioni transfobiche di J.K Rowling sono state numerosissime. La scrittrice però non sembra arretrare nelle sue idee, anzi si mostra sempre più convinta del suo pensiero decisamente poco inclusivo e antiquato, nonostante le sue storie raccontino proprio la magia dell’inclusività nel mondo della magia e non solo. Che si tratti di “babbani” o persone tras, il rispetto deve sempre essere messo al primo posto. Peccato che una persona come J.K. Rowling, tanto amata da grandi e piccini, non sia in grado di amare altrettanto i diritti umani.

Alice Turiani

© Riproduzione Riservata