Tecnologia

Dai tramonti alle superlune, 50 cose che rischi di perderti mentre guardi il cellulare

Quante cose ci perdiamo mentre fissiamo lo schermo del nostro telefonino? Dal lampione con cui stiamo per scontrarci all'amore della nostra vita che siede accanto a noi sul treno, ecco le 50 cose che rischiamo di perderci secondo il Guardian
50-cose-che-puoi-perderti-se-guardi-il-cellulare

Continua dopo la pubblicità

Secondo uno studio del Guardian, la media degli adolescenti europei trascorre quasi due giorni a settimana fissando lo schermo del telefonino. Intanto, il mondo va avanti e tante cose accadono intorno a loro senza che se ne avvedano: dai fuochi d’artificio ai tramonti che infuocano i cieli delle loro città. Il calcolo delle ore passate fissando lo schermo del telefono ammonta, secondo il Guardian, a ben 44 ore (quasi due giorni!). Ovviamente, sono diversi i danni associati all’uso eccessivo del telefonino, ma la vera tragedia è tutto quello che potrebbero perdersi mentre fissano lo schermo.

Ecco, dunque, le 50 cose che rischiamo tutti di perderci a furia di rimanere appiccicati ai nostri telefoni

50 cose che rischiamo di perderci

Il tramonto.

Una luna piena.

Una super luna.

Fulmine.

Continua dopo la pubblicità

Fulmine colpisce ancora.

Auto in arrivo.

Continua dopo la pubblicità

La fine della scala mobile.

Un cavallo che passa.

I primi, stranamente precoci, narcisi dell’anno.

Persone che scivolano e cadono sul ghiaccio.

Il punto esatto in cui il tuo taglio di capelli ha iniziato ad andare storto.

I raggi del sole che si riflettono sul lago.

Una ragnatela.

Una banconota da € 20.

Persone al telefono che sbattono nei lampioni.

Lampioni.

Il vicino di casa che cucina nudo nel condominio dall’altra parte della strada.

La trama di qualsiasi programma TV con sottotitoli.

Alberi in piena fioritura.

I gabbiani che vengono sospinti dal vento.

Uno scoiattolo che distrugge metodicamente una mangiatoia per uccelli.

Una volpe e un corvo che combattono per un pasto felice.

Una bicicletta perfettamente funzionante, se solo potessi capire come tirarla fuori dal canale.

Fuochi d’artificio.

Neve.

I tuoi occhi vuoti nel riflesso di uno specchio.

Un uomo che distribuisce caffè gratis.

Una vecchia conoscenza.

Lo stato delle tue unghie.

Centinaia di occhiate ammiccanti che ti ricordano che San Valentino è alle porte.

Nuovi graffiti.

Negozi pop-up.

Uno sgabello imbottito che volava fuori dalla porta di un pub alle tre del pomeriggio.

Qualcuno di attraente che ti sorride.

Qualcuno strano a cui, se avessi prestato attenzione, potresti non esserti seduto accanto.

Le cose che la persona di fronte a te sta guardando sul proprio telefono.

Chiunque sia anziano o incinta che potrebbe aver bisogno del tuo posto.

L’aspetto giudicante di altri utenti del trasporto pubblico.

La tua fermata.

Pranzo.

Vitalissime istruzioni dell’ultimo minuto dal tuo istruttore di sky-diving.

Eventuali detriti colpiti dalla tempesta che potrebbero essere sulla tua strada.

Quando il treno attraversa il Tamar in Cornovaglia.

Una celebrità che compra lenzuola.

Il tuo cane, che ti sta fissando male da un’ora.

Il tuo gatto che sta facendo qualcosa di carino.

Il cibo nel tuo piatto.

Altri potenziali contenuti per le tue storie su Instagram.

Quanto ti appaiono stupidi i tuoi genitori quando fissano lo schermo del telefono.

Una dormita.

 

 

© Riproduzione Riservata